“Vieni a trovarmi”, insisteva Gesù dal tabernacolo

Fonte e Autore dell’articolo: Aleteia.org

Testi Sacri Holyart.it

Una straordinaria esperienza spirituale avvenuta in una chiesa e un invito urgente che può cambiare la vostra vita

Devo riconoscerlo, Gesù nel tabernacolo è il mio migliore amico, davvero un amico straordinario. E non può essere altrimenti, essendo il Figlio di Dio. Posso dirlo con gioia:

“Il mio migliore amico è il Figlio di Dio, che abita nel tabernacolo, prigioniero d’amore per noi”.

Ci sono giorni come questo in cui mi siedo a raccontarvi le mie esperienze con Gesù e sperimento la Sua presenza al mio fianco. È come una brezza dolce che mi avvolge. Mi riempie di una gioia soprannaturale. Il Suo amore è così tanto che trabocca e si ha bisogno di amare, soprattutto quanti ci fanno del male. Se conoscessero l’amore di Dio, la loro vita sarebbe diversa.

Conversando con Gesù

Immagino a Gesù al mio fianco. Mi mette la mano sulle spalle in un gesto di vera amicizia. Sorride compiaciuto:

“Mi costi, Claudio”.

“Lo so, Gesù, e te ne ringrazio. So di non essere il migliore degli amici. La mia ostinazione mi trascende. Ogni volta che sbaglio strada, arrivi Tu e la raddrizzi. Ogni volta che cado mi tendi la mano e mi rialzi. Ogni volta che dubito o sono triste arrivi e mi dici: ‘Sono qui con te, Claudio. Come non amarti con tutto il cuore?’”

Sono un semplice mortale, so di essere peccatore. Per questo sono grato a Gesù. Non merito la Sua amicizia.

“Vieni”

Oggi parlavo con un sacerdote del Perù e gli ho raccontato questa bella esperienza di Gesù. Non ricordo se ve l’ho raccontata qualche volta. È accaduto tutto un venerdì mattina. Avevo centinaia di cose da fare, e quindi sono uscito presto di casa. Ero immerso nei miei pensieri quando ho sentito la Sua voce indescrivibile:

“Vieni a trovarmi”.

Dal modo in cui me lo chiedeva ho sentito che stava succedendo qualcosa, ma avevo talmente tanto da fare che mi sono scusato:

“Lasciami prima finire queste cose. Quando avrò finito passerò a trovarti nel tabernacolo”.

“Vieni, Claudio”, ha insistito.

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Raffaele De Fulvio
Informazioni su Raffaele De Fulvio 8603 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.