Vangelo del giorno Sabato 26 marzo 2022, III Settimana Tempo di Quaresima

Fonte dell’articolo silvestrini.org

Testi Sacri Holyart.it

“Gesù disse questa parabola per alcuni che avevano l’intima presunzione di essere giusti”. Infatti ci accompagna sempre questa tentazione di pensare che il fatto di credere ci renda migliori degli altri. Ecco il nostro guai, l’idea del merito. Nel vangelo di oggi invece, Gesù ci dice che umanamente non meritiamo nulla, tutto è grazia. Dio ci ama come siamo! La fede serve a riscoprire quanto siamo anche umani e quante nostre umane fragilità portiamo addosso. Ecco perché non va bene quando diciamo pregando: “Grazie perché mi hai dato la vita, grazie perché mi hai dato la fede, grazie perché cerco di seguire ciò che mi hai domandato, grazie perché mi sforzo a non trasgredire, ma grazie soprattutto perché non faccio schifo come quello lì”. Ed è questo il significato profondo della parabola raccontata da Gesù nella pericope di oggi: “Due uomini salirono al tempio a pregare: uno era fariseo e l’altro pubblicano. Il fariseo, stando in piedi, pregava così tra sé: O Dio, ti ringrazio che non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri, e neppure come questo pubblicano. Digiuno due volte la settimana e pago le decime di quanto possiedo. Il pubblicano invece, fermatosi a distanza, non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto dicendo: O Dio, abbi pietà di me peccatore”. È ovvio che tra i due è il secondo che si trova nella logica giusta, quella dell’umiltà, la logica di chi si sente bisognoso del perdono, della misericordia, dell’amore. La quaresima è tempo di fermarci un po’a riflettere sulla vita… Sull’esempio del pubblicano impariamo a toccare e riconoscere nostri propri limiti e affidarci alla misericordia di Dio. “Io vi dico: questi tornò a casa sua giustificato, a differenza dell’altro, perché chi si esalta sarà umiliato e chi si umilia sarà esaltato”. “La memoria delle nostre cadute dovrebbe toglierci ogni residuo di presunzione, superbia e vanagloria”, disse un saggio.

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Informazioni su Raffaele De Fulvio 10027 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.