Vangelo del giorno Sabato 12 febbraio 2022, V Settimana Tempo Ordinario

Fonte dell’articolo silvestrini.org

Testi Sacri Holyart.it

«Sento compassione di questa folla, perché già da tre giorni mi stanno dietro e non hanno da mangiare. Se li rimando digiuni alle proprie case, verranno meno per via; e alcuni di loro vengono di lontano». Il Vangelo di oggi inizia con questa bellissima prova di umanità di Gesù. Ma forse prima di parlare del segno che sta per avvenire bisogna lasciarsi colpire da questa profonda preoccupazione che Gesù ha avuto per questa gente che lo segue. Umanamente parlando, che assurdità che questi abbiano lasciato casa da giorni per ascoltare Gesù; e ovvio che arrivi il tempo della fame. Ma visto che l’uomo è fatto di bisogni concreti ecco che Gesù non si occupa soltanto di anime, insegnandoli ormai da ben tre giorni, ma si occupa di persone concrete nella loro integrità. In questo senso, forse solo così si capisce, alla luce della dottrina sociale della Chiesa, l’impegno di tanti preti, missionari, religiosi, laici cristiani, che mettono in atto anche nel nostro contesto così difficile, iniziative di carità concreta che riguarda anche i corpi e non solo le anime. Pensiamo alla Comunità di Sant’Egidio che sta ridando dignità a tante persone in difficoltà. Ma anche Don Oreste Benzi che andava in giro di notte a cercare le prostitute per offrire loro una via d’uscita o anche solo una parola di conforto, senza sprecare tante parole vuote. Come dimenticare Madre Teresa di Calcutta che molto spesso prendeva in braccio i moribondi e li accarezzava lungamente, nonostante la sua notte oscura? Lei, ma anche altri, non si limita a promettere preghiere ma agiva. L’elenco è lungo. Quindi questa sembra la via più efficace per evangelizzare nel contesto contemporaneo, o almeno punto di partenza. Dal brano di oggi, si comprende la motivazione di Gesù: la preoccupazione e la compassione. Anche noi come credenti domandiamoci: che cosa possiamo fare con le nostre povere risorse soprattutto nel nostro contesto in cui tenerle sotto controllo sta devenendo l’ossessione di molti? “Domandò loro: «Quanti pani avete?». Gli dissero: «Sette»”. Il miracolo della carità nasce in qualche modo semplicemente donando, senza fare troppi calcoli.

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Informazioni su Raffaele De Fulvio 9995 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.