Vangelo del giorno Mercoledì 07 dicembre 2022, II Settimana Tempo di Avvento

Fonte dell’articolo silvestrini.org

Testi Sacri Holyart.it

Vi aspetto… venite a me…

“Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò”. È bello che il Vangelo ci rivolga queste brevi e intense parole proprio in questo tempo di Avvento. Infatti dice il salmista: “Egli perdona tutte le tue colpe, guarisce tutte le tue infermità. Salva dalla fossa la tua vita, ti circonda di bontà e misericordia. Non ci tratta secondo i nostri peccati e non ci ripaga secondo le nostre colpe”. Penso che sia una lieta notizia da parte di Gesù. Finché uno vive lontano dal Signore, la sua vita manca di qualcosa, non ha senso e fondamentalmente sperimenta la fatica di vivere e non si sente mai libero. Quindi il Vangelo di oggi ci richiama a avere il coraggio e l’umiltà di consegnare a Gesù la nostra stanchezza e oppressione, soprattutto per non perdere questa opportunità del tempo di grazia che è l’Avvento. La conversione è anche lasciare che Gesù entri in maniera decisiva in ogni pezzetto della nostra esistenza. “Sono mite e umile di cuore”… in questo tempo di attesa siamo chiamati ad imparare da Gesù, che è umile di cuore. Siamo chiamati all’umiltà nei pensieri, quindi dovremo imparare a coltivare il silenzio interiore e solo l’umiltà ci può aiutare a fare il silenzio interiore. Abbiamo tante cause di continuo disturbo e sono le passioni, i sentimenti negativi: l’ira, l’invidia, il rancore, la gelosia… Se noi mettiamo a tacere tutto questo, allora sentiremo emergere il nostro cuore umile e nascosto cioè il meglio di noi. Ecco perché Sant’Elisabetta della Trinità, poco prima di morire disse: “Mi fossi dimenticata di più”. L’umiltà è dimenticanza ma anche c’è più gioia nell’umiltà. Quella gioia che splendeva tutta in Maria, l’umile serva del Signore. Infatti esclamò: “l’anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio mio salvatore perché ha guardato all’umiltà della sua serva”. Impariamo anche noi da Maria! Perché, e lo sappiamo bene, che il contrario della mitezza e dell’umiltà è la “rabbia e la superbia”, e troppe volte noi perdiamo ore della nostra vita vivendo da arrabbiati pensando sempre di avere ragione. La verità è che la nostra vita può cambiare solo quando cambiamo l’atteggiamento con cui l’affrontiamo. Amen

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Informazioni su Raffaele De Fulvio 11316 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.