Vangelo del giorno Mercoledì 04 gennaio 2023, I Settimana Tempo di Natale

Fonte dell’articolo silvestrini.org

Testi Sacri Holyart.it

Ecco l’Agnello di Dio….

Gloria nei cieli e gioia sulla terra. La gioia nasce dal credere che la vittoria è già ottenuta da Dio. Ora tocca a noi fare la nostra parte. Nella prima letture di oggi San Giovanni apostolo ci dice che per l’uomo vivere è appartenere: o si è figli di Dio o si è figli del diavolo. Ma ci offre anche criteri chiari per discernere fra questi due tipi di appartenenza. Chi pratica la giustizia è giusto come Gesù è giusto. Invece chi commette il peccato viene dal diavolo. Nel brano del vangelo poi emerge ancora la figura di Giovanni Battista, stavolta, con due dei suoi discepoli guarda intensamente Gesù passare e ripete: “«Ecco l’agnello di Dio!». E i due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù”. Quando facciamo la lectio Divina è molto importante soffermarci sui verbi. Per esempio: stare, fissare, parlare… sono i verbi che il Vangelo di oggi usa per raccontarci come avviene la vera evangelizzazione. Giovanni Battista non mantiene con sé i suoi discepoli, ma piuttosto li prepara all’incontro con Cristo, il sommo maestro. Difatti “annunciare il vangelo non è sedurre, cioè non è condurre a sé, ma è condurre a Cristo e necessariamente saper fare un passo indietro, lasciando che sia Cristo a prendere lo spazio più decisivo. Ma tutto questo sempre nella concretezza di una relazione. Ecco perché si annuncia il Vangelo “stando” con la gente, cioè costruendo delle relazioni stabili e affidabili, condividendo il tempo e le cose, e lasciando che la semplice “presenza” divenga essa stessa Vangelo. Si evangelizza con lo “sguardo”: gli altri si accorgono subito verso cosa o chi abbiamo orientato la nostra vita”. Le vie attraverso cui Dio si fa incontrare dall’uomo sono innumerevoli e varie. Il più delle volte però è importante la mediazione umana, come emerge chiaramente nel vangelo di oggi. Condurre a Cristo è la missione di ogni cristiano chiamato a lavorare al servizio del regno. Però senza dimenticarci che nessuno è in grado di farlo se prima non l’ha incontrato lui stesso, attraverso un’esperienza profonda e personale. Amen!

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Informazioni su Raffaele De Fulvio 11913 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.