Vangelo del giorno Martedì 29 novembre 2022, I Settimana Tempo di Avvento

Fonte dell’articolo silvestrini.org

Testi Sacri Holyart.it

Io ti rendo lode, o Padre

Come sarebbe bello pensare che il tempo d’avvento voglia innanzitutto cambiarci il modo con cui contempliamo la nascita di Gesù. Infatti solo “i piccoli” come emerge nella preghiera di Gesù del brano di oggi, hanno la possibilità di ricevere la rivelazione da parte del Padre. Prega Gesù dicendo: “Io ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, che hai nascosto queste cose ai dotti e ai sapienti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, Padre, perché così a te è piaciuto”. Invero, chi si fa piccolo, vive la sua vita completamente affidandosi al Signore e non in ricerca di cose grandi superiori alle proprie forze come dice il Salmista. Il piccolo non privilegia i propri ragionamenti all’ascolto di Dio che gli parla invece chi è superbo, il Signore gli nasconde la Sua voce perché nel cuore dei superbi non c’è spazio per Dio. Il tempo d’avvento per noi diventa così il tempo in cui bisognerebbe imparare a essere umile. Basta pensare alle condizioni nelle quali Gesù è venuto nella storia umana, si è abbassato, facendosi umile fino a nascere nelle condizioni più disperate, così ognuno di noi dovrebbe liberarsi dal proprio orgoglio e dalla propria superbia e lasciarsi toccare dalla Grazia soprannaturale. Non dobbiamo dimenticarci che la fede è un dono non una conquista umana, solo chi si fa umile può riceverla. Infatti dice Gesù: “Ogni cosa mi è stata affidata dal Padre mio e nessuno sa chi è il Figlio se non il Padre, né chi è il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare”. Ma anche oggi ci riteniamo fortunati perché Dio si è già rivelato a noi mediante suo figlio prediletto, che si è fatto uomo per fare strada con noi. Ecco perché ci dice con ragione nel brano di oggi: «Beati gli occhi che vedono ciò che voi vedete. Vi dico che molti profeti e re hanno desiderato vedere ciò che voi vedete, ma non lo videro, e udire ciò che voi udite, ma non l’udirono».

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Informazioni su Raffaele De Fulvio 11338 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.