Vangelo del giorno Martedì 05 marzo 2024, III Settimana Tempo di Quaresima

Fonte dell’articolo silvestrini.org

Testi Sacri Holyart.it

Dio è fedele, per sempre.

La preghiera di Azarìa, della prima lettura, Azarìa, immerso nel fuoco, è una invocazione al Signore: non rompere l’alleanza, non ritirare la sua misericordia, per amore di Abramo tuo amico, di Isacco tuo servo, di Israele tuo santo. In conclusione, si afferma “ti seguiamo con tutto il cuore, ti temiamo e cerchiamo il tuo volto…, da’ gloria al tuo Nome”. La fedeltà di Dio non viene mai meno. Da salmo penitenziale, questa preghiera si evolve in un inno di lode alla potenza di Dio e alla sua misericordia. Sottolinea che il Signore è sempre vicino ai peccatori: Invochiamolo: “Ricòrdati, Signore della tua misericordia”. Nella stessa linea è anche il Vangelo. Il testo di Matteo è importante. Per spiegare il dovere di perdonare senza limiti, Gesù propone la parabola dei servi debitori che avrebbero dovuto accettare il condono. Il racconto presenta tre ritratti: un incontro positivo del servo con il re, un incontro negativo con un altro servo debitore, un ultimo incontro tra il re e il servo malvagio. Dal racconto, Pietro e gli altri discepoli devono capire la conclusione: “Così anche il mio Padre celeste farà a ciascuno di voi, se non perdonerete di cuore al vostro fratello”. Il racconto iniziale è rovesciato. Infatti, la domanda era “quante volte dovrò perdonare ai mio fratello, se pecca contro di me?”. La risposta è inattesa: Non prendiamoci come criterio di riferimento, ma alziamo lo sguardo: Dio Padre stesso vi perdonerà se sarete capaci di perdonare. “Rimetti a noi i nostri debiti, come noi li rimettiamo ai nostri debitori”. In fondo, il perdono divino è la manifestazione della fedeltà di Dio all’alleanza: un’alleanza di perdono e di salvezza. In Quaresima, la riflessione sulla riconciliazione ci orienta verso l’atteggiamento positivo di Dio, in relazione alla generosità umana, tutta da realizzare.

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Informazioni su Giuseppe Maisto 644 Articoli
P. Giuseppe Maisto è nato a Napoli il 26-09-1986, ha conosciuto i passionisti con una missione della sua parrocchia e nel 2015 ha cominciato il cammino di formazione nella comunità di Bari. P. Giuseppe è stato ordinato sacerdote il 9 settembre 2023 a Napoli, è ritornato nella comunità di San Gabriele a partire da ottobre 2023 con il ruolo di Viceparroco.