Vangelo del giorno Lunedì 23 gennaio 2023, III Settimana Tempo Ordinario

Fonte dell’articolo silvestrini.org

Testi Sacri Holyart.it

Se un regno (comunità, famiglia) è diviso non può reggersi!

Partendo dalla prima lettura, la Lettera agli Ebrei, che ci sta accompagnando ormai da diversi giorni, la parola alleanza emerge con due significati complementari. Prima di tutto indica il patto di Dio con il suo popolo. Il concetto greco di alleanza significa anche testamento. Esso è valido solo dopo la morte di colui che lo ha scritto. In questo caso Gesù, con la sua morte, ha stabilito in modo irreversibile l’impegno di Dio per la nostra salvezza. Ecco perché il salmista canta con ragione: “cantate al Signore un canto nuovo, perché ha compiuto prodigi. Egli si è ricordato del suo amore, della sua fedeltà alla casa di Israele”. Tutti partecipiamo al canto nuovo perché nella morte di Gesù l’amore di Dio ha raggiunto ciascuno di noi. Nel vangelo di sabato scorso, se i parenti di Gesù hanno detto: “E’ fuori di sé”, oggi invece gli Scribi che erano venuti da Gerusalemme, vanno oltre esagerando: «Costui è posseduto da Beelzebùl e scaccia i demòni per mezzo del principe dei demòni»”. Questo modo di pensare secondo la tradizione evangelica, di cui si fa eco l’evangelista, è lo stravolgimento totale del significato dei gesti di liberazione compiuto da Gesù. Si dice che una delle tecniche migliori per combattere i nemici è demonizzarli, trasformali in male assoluto. Nel Vangelo di oggi, gli Scribi ci provano anche con Gesù. Però lui non ci casca e controbatte: “Come può satana scacciare satana? Se un regno è diviso in se stesso, quel regno non può reggersi”. Il diavolo è il padre della divisione, ma per essere efficace agisce con unità, con compattezza, senza divisione. Come è possibile che non capiamo ancora che il bene per essere bene deve agire allo stesso modo? Che cos’è che rende la Chiesa, le nostre comunità religiose e le famiglie quasi senza sapore? Le divisioni! In questa settimana dell’unità dei cristiani chiediamo al Signore lo Spirito di amore e di unità, di perdono e di riconciliazione. Amen!

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Informazioni su Raffaele De Fulvio 11355 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.