Vangelo del giorno Giovedì 31 marzo 2022, IV Settimana Tempo di Quaresima

Fonte dell’articolo silvestrini.org

Testi Sacri Holyart.it

Vi è già chi vi accusa…

“Voi scrutate le Scritture, pensando di avere in esse la vita eterna: sono proprio esse che danno testimonianza di me. Ma voi non volete venire a me per avere vita”. Il Vangelo di oggi ci apre un po’ gli occhi perché noi possiamo pure conoscere tutto il catechismo, tutta la Bibbia a memoria, tutta la teologia, tutti i riti ma è pura illusione se rimaniamo ancora distanti da Dio. Per noi, diceva un nostro professore, il cristianesimo: “è Gesù Cristo!, e la dottrina, la Parola, la teologia, la liturgia sono solo modi diversi di scoprire, amare, e aggrapparci a Lui. Un cristianesimo senza la persona di Gesù è fumo senza arrosto. Senza Cristo sarebbe solo un’ideologia, una in mezzo alle altre o un insieme di moralismi adatti solo a complicare la vita delle persone”. Chi non ha mai fatto l’esperienza dell’incontro con la persona di Gesù non può gustare la dolcezza della vita cristiana e non può essere libero. “Non crediate che sarò io ad accusarvi davanti al Padre; vi è già chi vi accusa: Mosè, nel quale riponete la vostra speranza. Se infatti credeste a Mosè, credereste anche a me; perché egli ha scritto di me. Ma se non credete ai suoi scritti, come potrete credere alle mie parole?”. Il peggio è proprio questo: “avere tutto davanti agli occhi e non accorgerci dell’essenziale: tornare alla persona di Cristo”. La quaresima è tempo di tornare all’essenziale e lasciare cadere le maschere dell’ipocrisia, di far apparire ciò che siamo per davvero. La conversione a cui ci invita il vangelo di oggi non ci coinvolge solo personalmente ma ci interroga anche come famiglia, come comunità, come Chiesa. Si interrogava un articolista: “stiamo costruendo attorno alla Sua Persona o attorno a delle strategie pastorali, a iniziative, a concetti, a tentativi anche lodevoli in ambito caritativo ma che non sono un modo più forte e decisivo di aggrapparci a Lui? C’è ancora Gesù lì dove tutto parla di cristianesimo? C’è ancora Lui o solo l’ombra delle Sue idee?” In questo tempo di quaresima proviamo a rispondere a questi interessanti interrogativi.

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Informazioni su Raffaele De Fulvio 10023 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.