Vangelo del giorno Giovedì 29 dicembre 2022, I Settimana Tempo di Natale

Fonte dell’articolo silvestrini.org

Testi Sacri Holyart.it

…e attendeva. Ma mosso dallo Spirito [proclama]…

Gloria nei cieli e gioia sulla terra, dice il ritornello del salmo di oggi. Aderire alla visione del Gesù Bambino significa lasciar scendere in noi una gioia che trasforma, un’esultanza che si fa canto e ci rende disponibili a portare agli altri questa lieta notizia e nulla ci può più trattenere. Effettivamente, come dice il Vangelo di oggi: “Ora a Gerusalemme, c’era un uomo di nome Simeone, uomo giusto e timorato di Dio, che aspettava il conforto d’Israele; lo Spirito Santo che era sopra di lui, gli aveva preannunziato che non avrebbe visto la morte senza prima aver veduto il Messia del Signore”. Lo stupore di Simeone è contagioso perché è uno che ha saputo attendere con pazienza. Chiaramente, un’intera vita passata ad attendere quel momento, quel dono straordinario di poter abbracciare Gesù bambino, colui che dà Senso alla vita di ciascuno di noi. Disse il nostro caro professore: Il vecchio Simeone è un avvertimento per ciascuno di noi, egli ci ricorda che dobbiamo credere di più a ciò che il Signore ci mette nel cuore più che all’evidenza delle cose che sembrano invece dirci che il tempo passa e noi abbiamo atteso invano. Dio non ci tradirebbe mai mettendoci nel cuore qualcosa, per poi negarcela nella realtà”. Si può dire che attendere è un altro segno della nostra fiducia. Quindi impariamo da Simeone. Forse potremmo anche noi fare quell’esperienza nella nostra vita di fede, una esperienza di gioia immensa: “Mosso dunque dallo Spirito, si recò al tempio; e mentre i genitori vi portavano il bambino Gesù, lo prese tra le braccia e benedisse Dio: Ora lascia, o Signore, che il tuo servo vada in pace secondo la tua parola; perché i miei occhi han visto la tua salvezza”. Dio ci conceda davvero di poter un giorno vedere con i nostri occhi ciò che speriamo nel cuore. Signore, aiutaci a camminare con te. Amen!

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Informazioni su Raffaele De Fulvio 11346 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.