Vangelo del giorno Domenica 10 marzo 2024, IV Settimana Tempo di Quaresima

Fonte dell’articolo silvestrini.org

Testi Sacri Holyart.it

Bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo.

La quarta domenica di Quaresima si intitola domenica “in Laetare”, dall’antifona con cui inizia la celebrazione eucaristica: “Rallègrati (laetàre), Gerusalemme, sii nella gioia per la consolazione che ti viene dal Signore”. Certamente il motivo dell’essere gioiosi non è dato perché siamo giunti alla metà del percorso quaresimale, ma dalla grande rivelazione dell’amore di Dio per l’umanità, che ci viene proposto in modo solenne nel dialogo di Gesù con Nicodèmo, un capo ragguardevole dei Giudei. Questi, per non compromettersi dinanzi ai suoi colleghi, era venuto di notte, per avere un incontro con Gesù. “Rabbì, – disse – sappiamo che sei un maestro venuto da Dio; nessuno infatti può fare i segni che tu fai”. Gesù gli rivela la propria identità e la sorte che lo attende, ma Nicodemo non potrà vedere il regno di Dio, se non rinascerà dall’alto, dallo Spirito. “Come può accadere questo?”, gli disse. L’uomo può nascere dall’alto perché Dio ha mandato il Figlio affinché l’uomo, per mezzo di lui, possa accogliere il dono della rinascita dall’alto e agire di conseguenza. L’immagine-profezia, a cui il testo si richiama, è quella dell’esodo, quando gli Ebrei, dopo una ennesima mormorazione, Dio li mise alla prova con una invasione di serpenti. Al loro grido di supplica, Dio ordinò a Mosè di collocare su un’asta un serpente di bronzo e chi l’avesse guardato era salvo. Ebbene, Gesù salva il mondo, inchiodato e innalzato in croce sul monte Calvàrio. E da lì fino alla fine del mondo egli resterà a braccia aperte, “perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna”. Cristo innalzato sulla croce come un condannato, agli occhi dell’evangelista Giovanni è la glorificazione, “quando sarò innalzato attirerò tutti a me”. La salvezza piena di amore che Dio intende porgere all’umanità, si identifica con la persona del Figlio che dona all’uomo la vita del mondo divino (dall’alto). Credere significa accogliere già questa vita che associa l’uomo alla stessa vita di Dio. Non credere equivale a rifiutare il dono della vita divina. La fede, elemento discriminante tra la vita e la morte, ha una caratteristica: è una scelta interiore. Credere nel Figlio significa affidarsi a lui, mettere la propria vita nelle sue mani e ricevere, in cambio, la vita eterna. “Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo si salvi per mezzo di lui”.

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Informazioni su Giuseppe Maisto 663 Articoli
P. Giuseppe Maisto è nato a Napoli il 26-09-1986, ha conosciuto i passionisti con una missione della sua parrocchia e nel 2015 ha cominciato il cammino di formazione nella comunità di Bari. P. Giuseppe è stato ordinato sacerdote il 9 settembre 2023 a Napoli, è ritornato nella comunità di San Gabriele a partire da ottobre 2023 con il ruolo di Viceparroco.