Vangelo del giorno 2024-01-08 – Commento di Lunedì

Fonte dell’articolo silvestrini.org

Testi Sacri Holyart.it

Innalzerò il calice della salvezza. ||| «Gesù è Colui che è venuto ad innalzare il calice della salvezza ed adempiere i voti davanti al Signore e al suo popolo. E chiede a ciascuno di noi conversione e fede». Se ieri l'evangelista ci ha parlato del battesimo del Signore, dove il Padre lo ha proclamato suo Figlio prediletto, oggi egli ci invita alla conversione e alla fede per accogliere quel Figlio di Dio, il suo regno di Dio. Egli è la parola vivente del Padre, il vangelo della vita. Dio ha ascoltato il grido del suo popolo. Egli ha risposto mediante il suo Figlio che offrirà il sacrificio di ringraziamento e adempirà i voti davanti al Signore e al suo popolo. Egli è la parola del Padre che chiede di cambiare vita e accettarlo. La sua presenza ci richiede un cambiamento profondo cioè la conversione e la fede. Convertirsi e credere al vangelo, ecco il vero significato di essere discepolo di Cristo. L'obbedienza della fede ci rende discepoli di Cristo come Simone, Andrea, Giacomo e Giovanni. Ma anche santi odierni, hanno testimoniato la loro fede chi in un modo e chi in un altro. Quanti martiri anche ai giorni nostri… Oggi, ad esempio il martirologio romano ricorda San Giuliano che testimoniò la sua fede accentando di subire il martirio. Egli ha predicato il vangelo con la vita cioè ha praticato la carità con lo zelo alla cura e all'assistenza degli uomini. I santi Basilissa e Giuliano erano sposi esemplari e vivevano nell'esercizio delle virtù. Sant'Adriano, abate, si dedicò all'educazione dei monaci ed insegnava le Scritture e la teologia ciò perché Cristo sia conosciuto, creduto ad accolto. Faceva tutto per infondere in loro lo zelo per le virtù e lo spirito del cristianesimo. Tutti questi santi hanno capito che la conversione rende leggero e attento e la fede rende pronti gli orecchi ad ascoltare e il cuore ad accogliere l'invito, del vangelo per vivere e camminare secondo questo stesso vangelo. Seguire Cristo richiede di lasciare tutto quello che si fa per essere con lui e vivere in piena amicizia con lui. Ciò implica la fedeltà nel nostro essere cristiani con Cristo, cioè discepoli che adempiono i voti pronunzianti al Signore, quel cioè vivere le nostre promesse battesimali.

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Informazioni su Giuseppe Maisto 471 Articoli
P. Giuseppe Maisto è nato a Napoli il 26-09-1986, ha conosciuto i passionisti con una missione della sua parrocchia e nel 2015 ha cominciato il cammino di formazione nella comunità di Bari. P. Giuseppe è stato ordinato sacerdote il 9 settembre 2023 a Napoli, è ritornato nella comunità di San Gabriele a partire da ottobre 2023 con il ruolo di Viceparroco.