Vangelo del giorno 2022-03-12 – Commento di Sabato

Fonte dell’articolo silvestrini.org

Testi Sacri Holyart.it

Amare i nemici… ||| Avete inteso che fu detto: amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perséguitano”. A prima vista ci viene in mente una domanda spontanea, chi mai ci arriverà? Senza dubbio il vangelo di oggi ci mette tutti in crisi. Infatti, quanto è difficile amare davvero, soprattutto chi non ci vuole bene, per non dire il nemico. Ma fa riflettere molto la spiritualità cristiana orientale, per loro la vera maturità la si misura con la compassione: “bisogna imparare ad avere così tanta compassione fino al punto da sentirla anche nei confronti del diavolo”. E quasi inimmaginabile, impossibile, ma è Gesù che ce lo chiede: “amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano”. Amare è un impegno serio che non può essere vissuto con superficialità, ma ci deve coinvolgere integralmente cioè amare l’altro come se stesso, anche se a volte ci costa un occhio della testa. L’amore è sempre amore per la verità, ma è anche sempre amore per il volto di chi ho accanto, pur se non la pensa come me. Infatti le parole di Gesù fano molto riflettere quando dice che non si può amare Dio che si vede e odiare il nostro prossimo, che ci sta accanto. Quindi il Vangelo ci invita ad una grande passione. La passione per il dialogo che sta venendo meno purtroppo nelle nostre comunità religiosa, nelle nostre famiglie ma anche nella Chiesa. E inutile elencare qui le conseguenze di questo terribile cancro. La passione per l’altro, per piccoli, per i poveri, per il diverso. “Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani?”. Ma noi siamo chiamati ad essere come il Padre: “Siate voi dunque perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste”. Ma come ci possiamo arrivare con i nostri limiti? Siamo chiamati alla conversione continua nonostante le nostre cadute e questo cammino quaresimale ci sta aiutando a fare un’analisi seria del nostro essere cristiani. Cadendo e alzandosi si impara a salire.

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Informazioni su Raffaele De Fulvio 10641 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.