Vangelo del giorno 2022-02-04 – Commento di Venerdì

Fonte dell’articolo silvestrini.org

Testi Sacri Holyart.it

La tragica fine di Giovanni Battista. ||| Nel vangelo di oggi si nota subito l’impatto della missione dei Dodici che tocca anche Erode Antipa. Cosa possiamo imparare da questa fine del Battista? Certamente la morte di Giovanni è prefigurazione della morte di Gesù. Lo scandalo denunciato dal Battista riguardava la convivenza con la cognata, proprio proibita dalla legge. Per questo Giovanni fu gettato in prigione, dava fastidio, era di scomodo! Facendolo fuori non hanno potuto però eliminare la verità delle cose. In un mondo in cui, per comodo proprio o per politica si tace la verità, Giovanni ha il coraggio di dire a Erode la verità: non puoi vivere con l’amante, moglie di tuo fratello. Oggi quanti ormai fanno la fine del Battista? Il cardinale congolese Malula diceva che è meglio morire che crocifiggere la verità. Pensandoci bene… forse il Battista è l’unico che ha voluto bene a Erode, perché dire a qualcuno la verità significa volergli bene. Questa è la sfida di oggi, quando si pensa di salvare una pace illusoria spesso si fa finta di non vedere, di non accorgersi, di non parlare. E questa è l’ipocrisia! Quante volte diciamo alle persone quello che non sonno per farle piacere e forse anche cerchiamo gli amici tra quelli che la pensano solo come noi? Purtroppo questo atteggiamento sta invadendo anche la Chiesa, la vita religiosa, i luoghi di lavoro, le famiglie… la tentazione di circondarsi di quelli che la pensano come noi è una prova della crisi antropologica ma anche spirituale. Ma la verità, prima o poi, viene sempre a galla quindi è inutile sfuggirle come accadde a Erode. “Il re Erode udì parlare di Gesù, perché il suo nome era diventato ben conosciuto. Alcuni dicevano: «Giovanni il battista è risuscitato dai morti; è per questo che agiscono in lui le potenze miracolose». Altri invece dicevano: «È Elia!» Ed altri: «È un profeta come quelli di una volta». Ma Erode, udito ciò, diceva: «Giovanni, che io ho fatto decapitare, lui è risuscitato!»”. Sembrerebbe poi che, oltreché per la verità, Giovanni è stato ucciso da Erode semplicemente per fare piacere ad Erodiade, sua amante. Ma in fondo, il vero morto è lui, Erode, anche se non lo sa, perché è schiavo del peccato.

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Informazioni su Raffaele De Fulvio 10021 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.