Vangelo del giorno : 2018-06-03 – Commento di domenica

Vangelo del giorno

Testi Sacri Holyart.it

Vangelo del giorno

“Questo è il mio corpo, dato per voi”. ||| Oggi ci viene ricordato che la suprema manifestazione del ‘sacro’ avviene attraverso segni umili e semplici, il pane e il vino, frutto della terra e del lavoro dell’uomo. Così l’Eucaristia stimola anche noi ad assumere la logica di Dio, quella di trasformare le nostre piccole cose in ‘sacri segni’. Nell’ispirazione dell’evangelista Marco la celebrazione dell’ultima cena di Gesù specificatamente entra nella grande festa della Pasqua. “Il primo giorno degli Azzimi, quando si immolava la Pasqua”, i discepoli chiedono al Maestro dove dovevano prepararla. Nella descrizione poi della cena, l’evangelista nota solo i gesti e le parole di Gesù, che sono basilari del nuovo memoriale, che sarà celebrato in sua memoria. Gesù, nell’intimità del cenacolo in mezzo ai suoi, e prima della sua passione, attua quello che annuncia: “Questo è il mio sangue, il sangue dell’alleanza versato per molti”. Nella ritualità di questa particolare cena, la gioia, che di solito seguiva al patto stipulato, al momento viene procrastinata, perché Gesù, entrando nella sua funzione di vittima e di sacerdote, descrive e interpreta tutto la sua passione e la sua morte in croce. Sicuramente saranno state parole sconcertanti, che devono aver sorpreso gli apostoli. Naturalmente erano parole profetiche, che offrivano il significato di ciò che stava per compiersi. Quel vino sarà veramente il suo sangue della nuova ed eterna Alleanza, sangue versato dalla croce per ogni uomo. Dentro il dramma della passione e della morte, infatti c’è un mistero di amore, che Dio, attraverso la contemplazione della croce, pone allo sguardo dell’umanità. La celebrazione del “Corpus Domini” è proprio questo: il dono di sé, che Gesù fa ai suoi discepoli di ieri, di oggi e di sempre. Ci garantisce, nel pane e nel vino consacrati, la sua presenza sacramentale. Senza questo punto di appoggio, tutto diventa prima o poi un non senso. Aver fede nell’Eucaristia significa credere in Dio, che ha stretto un patto con ogni uomo in cammino nel deserto della vita.

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Raffaele De Fulvio
Informazioni su Raffaele De Fulvio 7112 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.