Vangelo del giorno : 2017-01-31 – Commento di martedi’

Vangelo del giorno

Testi Sacri Holyart.it

Vangelo del giorno

Fanciulla, Io ti dico: alzati! ||| Oggi la Chiesa ricorda San Giovanni Bosco. Egli nacque da un’umile famiglia di contadini e, divenuto sacerdote, consacrò tutte le sue energie all’educazione della gioventù. Tra i suoi figli spirituali emerge la santità di San Domenico Savio, il Santo della purezza, che aveva come motto “Servite Dio nella gioia!”. Ma andiamo alla Parola di Dio: Cristo ha preso le nostre infermità e si è caricato delle nostre malattie. Così abbiamo cantato prima di leggere il Vangelo di oggi, che ci parla di Gesù, che è un Dio compassionevole verso chi soffre, verso chi è solo, verso chi è malato e anche verso chi è… morto: verso tutti! Egli dona speranza a tutti, ad ognuno di noi. Egli è la nostra unica salvezza. Egli è “la Risurrezione, è la Vita!”, è la nostra Speranza! E beati quelli che vanno a Lui con fede sincera, come la fede di Giaìro, come la fede della povera donna emoroìssa, che aveva speso tutti i suoi averi per i medici, e senza trovarne nessun giovamento, anzi piuttosto peggiorando. Ella pensò: “se riuscirò anche solo a toccare le sue vesti, sarò salvata”. Così fece ed ecco subito il miracolo: “E subito le si fermò il flusso di sangue e sentì nel suo corpo che era guarita dal male”. Sarebbe come dire, in chiave moderna: andare a trovare Gesù in chiesa: “…basta che io tocchi solo la porticina del tabernacolo dell’altare e sarò guarito!… Basta che io riceva la comunione in grazia a di Dio e con fede sincera, e guarirò!…”. E Gesù si accorse sùbito della forza che era uscita da Lui e chiese: “Chi mi ha toccato?… Figlia, la tua fede ti ha salvata. Và e sii guarita del tuo male!”. Infatti è la fede in Gesù che ci guarisce e ci libera da ogni male, sia dell’anima che del corpo. E poi Gesù entra nella casa del capo della sinagoga, ma… la figlia è morta ormai! Ma per Lui non c’è problema, e dice: “Non temere, soltanto abbi fede!”. E prese la mano della bambina e le disse: “Talità kum!… cioè “fanciulla, io ti dico: àlzati!”. E subito la fanciulla si alzò e camminava; aveva dodici anni. Gesù è il Padrone della vita, Egli è la Fonte della nostra vita, quella terrena e anche quella eterna. Egli è il Figlio del Dio vivente, è il Figlio del Padre, disceso tra noi sulla terra. Ci ama davvero, e mai ci abbandona. Abbiamo fede in Lui e amiamolo con tutto il cuore e con tutta l’anima nostra, e saremo pienamente realizzati come persone realizzate, libere, serene e anche gioiose, e cristiani veri finalmente!

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Informazioni su Raffaele De Fulvio 4904 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.