Vanessa Ferrari si classifica per le Olimpiadi di Tokyo

Fonte dell’articolo Aleteia.org – Autore Vatican News

Testi Sacri Holyart.it

Vanessa Ferrari, il ritratto di una campionessa per talento, passione e capacità di superare le sconfitte. Si è qualificata per la quarta volta alle Olimpiadi, all’età di 30 anni.

Un’altra storica impresa per la ginnasta azzurra Vanessa Ferrari che si è qualificata per la quarta volta consecutiva ai Giochi olimpici. Lo fa dopo tre anni difficili, tra tanti infortuni e molte difficoltà, non ultime quelle legate al Covid. L’azzurra conquista il pass per Tokyo sulla pedana di Doha nella finale del corpo libero femminile valido per la Coppa del mondo: 14.266 il suo punteggio con 5.9 di D Score.

Gazzetta dello Sport

Vanessa Ferrari è nata ad Orzinuovi il 10 novembre del 1990 e ora, all’età di 30 anni, si qualifica per la quarta volta alle Olimpiadi. Conferma ancora una volta la sua particolare resistenza alle difficoltà e anzi il talento di portarsene fuori con ancora più talento e grinta. Brava Vanessa, vero orgoglio italiano – e bresciano. (Aggiornamento del 29 giugno 2021)

Medaglia d’Oro-Campionessa mondiale di ginnastica artistica Aarhus 2006,  Medaglia d’Oro-Coppa del Mondo Parigi 2007, Medaglia d’Oro-Giochi del Mediterraneo Mersin 2013, Medaglia d’Oro-Coppa del Mondo Tokio 2014.

È una giovane donna, ora ha 26 anni. Per la ginnastica artistica è già vecchia. Ha attraversato anni durissimi. La ginnastica artistica è una disciplina aspra. Eppure, incontrata a 7 anni, non l’ha ancora lasciata.

È nata ad Orzinuovi, in provincia di Brescia, il papà bresciano, la mamma di origini bulgare che le trasmette anche la passione per lo sport. Senza forzature. Lo racconta Vanessa. Dopo il primo allenamento nello spogliatoio lascerà andare le lacrime trattenute mentre l’allenatore le tende la schiena sulla trave. La mamma la rassicura «non devi tornare per forza, possiamo smettere anche subito».

«No, voglio continuare».

In questo primo episodio c’è già quasi tutto. La durezza estrema di una disciplina che le sconvolge da subito i ritmi di vita (frequenterà le scuole serali per potersi allenare 4 ore al mattino e 2 al pomeriggio); l’attrazione per la bellezza austera della ginnastica; il desiderio di vincersi e vincere; il rapporto con la mamma e il papà.

Le sei ore di allenamento devono essere aggiunte a quelle di viaggio per raggiungere la palestra, che per i primi tempi è lontana dal luogo di residenza 50 km. È la mamma che fa la spola. Ma anche il papà sarà molto presente nel percorso di Vanessa. Durante le gare, prima di spiccare il primo salto ha bisogno di uno scambio fugace di sguardo con lui. Senza di quello non parte, con quello vola.

Soffrirà moltissimo quando i genitori si separeranno.

Soffrirà anche per infortuni. Avrà bisogno di un intervento chirurgico. Dovrà fermarsi per lunghi periodi.

Appena uscita dall’anestesia, sul letto di ospedale, Vanessa si mette a fare gli addominali.

«Che fai, non puoi» le dice il chirurgo.

«Quando posso tornare in palestra?» Questo le preme.




Leggi anche:
Blanka Vlašić: dagli infortuni alla depressione fino al salto in alto della conversione

Colpisce di questa ragazza la durezza, la tenacia e la capacità di soffrire. E la bellezza dei gesti, l’eleganza dei suoi volteggi. I suoi due soprannomi rispecchiano proprio queste due caratteristiche. Cannibale e farfalla.

Nessuna ferocia ma fame di vittoria, di perseguire l’obiettivo massimo con una determinazione intera, di ferro, che “mangia” tutto e tutti. E la stupefacente eleganza e bellezza di salti, volteggi, atterraggi.

Sarà la prima atleta a compiere lo Tsukahara avvitato “Silivas” ovvero un doppio salto indietro raccolto con doppio avvitamento. Si fatica ad immaginarselo, chissà a realizzarlo.

Nel programma della Raiche presenta ritratti di grandi atleti, Nazionali, episodio 11, ripercorre la sua storia con sincerità e una malcelata ritrosia. Era una bambina non facilissima alle relazioni. Un po’ timida, riconosce lei. Racconta di quanto l’abbia stupita e infastidita un fatto, dopo la sua prima esaltante vittoria.

«Prima non mi cercava nessuno, dopo ero assediata dai giornalisti». Non vedeva l’ora che la smettessero.

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Informazioni su Raffaele De Fulvio 9061 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.