Se la Bibbia è infallibile o meno

Tutto ha dei limiti, e la Bibbia non fa eccezione.

Non di rado, ci troviamo di fronte a persone che vogliono “provare” a ogni costo che la Bibbia è piena di errori scientifici, è priva di armonia tra i suoi vari libri, cade varie volte in contraddizione e riporta delle leggende. Alcuni citano questi esempi:

  • Quando Caino ha abbandonato i suoi genitori con chi si è sposato, visto che Adamo ed Eva non avevano figlie? (Genesi 4, 17);
  • Quanti soldati c’erano in Israele e nella terra di Giuda? Rispettivamente 800.000 e 500.000, secondo 2 Samuele 24, o 1100 e 470.000, come si legge nel I Libro delle Cronache 21?;
  • Matteo attribuisce al profeta Geremia una profezia di Zaccaria (Matteo 27,9);
  • Giuda si è suicidato impiccandosi (Matteo 27, 5) o gettandosi in un precipizio (Atti 1, 18)?

E gli esempi si moltiplicano…

Queste argomentazioni fanno saltar fuori persone “illuminate” che, credendo nella totale infallibilità della Bibbia, trovano risposte inutili, come sostenere che Giuda si sia impiccato a un albero vicino a un abisso, essendovi caduto non appena la corda si è spezzata!!! Allo stesso modo, Galileo Galilei è stato quasi bruciato dall’Inquisizione per aver sostenuto che la Terra ruotava intorno al sole e non il contrario, come tutti credevano all’epoca, e questo perché sembrava contraddire il passo di Giosuè 10, 12-13, che afferma che il sole si è fermato per ordine di Giosuè stesso.

Vediamo bene che queste discussioni sono inutili ed estenuanti, e tutto a causa del concetto di infallibilità della Bibbia, che non è considerato nella sua realtà. Qual è la verità? La Bibbia è un libro di fede, e non un libro scientifico. È infallibile per le dottrine relative alla religione, ma non per la scienza.

Dio, quando ha ispirato gli uomini che hanno scritto la Bibbia, si è sforzato di farsi capire dall’umanità, e per questo ha comunicato le verità di fede usando il linguaggio semplice dell’epoca, che era ancora molto povero a livello di conoscenze scientifiche. Ma non avrebbe potuto essere altrimenti! Se Gesù avesse parlato di computer, aerei e televisione nelle sue parabole sarebbe stato compreso da quel popolo? Esisterebbe oggi il cristianesimo se i suoi apostoli avessero predicato qualcosa che non conoscevano?

A noi che crediamo in Dio non interessa sapere se l’ordine della creazione è giusto o sbagliato, se all’inizio è stata creata solo una coppia di ogni specie o meno… Quello che ci interessa è sapere – e avere la certezza – che Dio ha creato tutto nell’universo: gli astri, le stelle, la terra, gli animali e il genere umano; ci interessa sapere che Dio ci ama, anche se abbiamo peccato contro di Lui (poco importa se è stato perché abbiamo mangiato il frutto di un albero, conta il fatto che in qualche modo gli abbiamo disobbedito). Dobbiamo sapere che per il Suo Amore Dio ci ha mandato il Suo Unico Figlio, vero Dio fatto uomo, che ci ha liberati una volta per tutte dal peccato e ci ha ottenuto la salvezza.

Concludiamo affermando che la Bibbia è quindi infallibile nelle questioni di fede, com’è sempre stato e sempre sarà, ma non deve invadere il campo della scienza, come questa non deve intromettersi nelle questioni di fede, per le quali resta priva di competenza.

Vai alla fonte

Testi Sacri Holyart.it

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Informazioni su Raffaele De Fulvio 4780 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.

Commenta per primo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.