Quali sono i veri numeri sulle tasse pagate dal Vaticano?

Fonte dell’articolo Aleteia.org – Autore Vatican News

Testi Sacri Holyart.it

Basta con le fake news. Il Vaticano ha pagato nel 2019 oltre 9milioni di euro di tasse. E le polemiche sulle Ici passate non pagate sono pretestuose e false

«Le tasse vanno pagate», ha detto domenica scorsa all’Angelus il Papa. E subito sui social è riesplosa la tiritera sul Vaticano che invece non paga le tasse. Si tratta, come ha riportato Avvenire, di gravi fake news. Smentiamole con numeri veri.

Imu, Tasi, Ires: le tasse pagate dal Vaticano

Tasse pagate nel 2019 in Italia dall’Amministrazione del patrimonio della Santa Sede, l’ente del Vaticano che gestisce gli immobili intestati direttamente alla Santa Sede: 5.750.000 euro di Imu e 354.000 euro di Tasi, versati per oltre il novanta per cento al comune di Roma, dove gli immobili si trovano. Se aggiungiamo 3.200.000 euro di Ires, arriviamo a un totale di oltre 9.300.000 euro.

DOLLARS

Shutterstock-Billion Photos-AI

Non proprio una bazzecola, tenuto conto che queste somme si riferiscono soltanto alla parte di beni amministrati dall’Apsa (Amministrazione del patrimonio della Sede apostolica). A queste somme va aggiunto quanto, con gli stessi criteri, pagano la Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli (Propaganda Fide), il Vicariato di Roma, la Cei, gli Ordini e le Congregazioni religiose.

Le polemiche passate sull’Ici

Per l’ennesima volta, come evidenzia Vatican News, bisogna ribadire che sugli immobili dati in affitto – quelli cioè che rendono davvero – da sempre le tasse vengono pagate dal Vaticano senza sconti o riduzioni. In passato, le polemiche furono alimentate perché l’Ici (imposta comunale sugli immobili) prevedeva l’esenzione per gli immobili degli enti senza scopo di lucro, integralmente utilizzati per finalità socialmente rilevanti (per esempio, scuole, mense per i poveri o centri culturali).

Le Monastère des Augustines

Le Monastère des Augustines – Facebook
Le Monastère des Augustines. Un albergo con spa, gestito da suore in Canada.

Chi benefica dell’esenzione

A tale proposito, è bene chiarire che questo tipo di esenzione dalle tasse non riguarda solo gli enti appartenenti al Vaticano. Di questa esenzione hanno sempre beneficiato e beneficiano tutte le altre Confessioni religiose, tutti i partiti, tutti i sindacati e tutte le realtà che realizzano le condizioni previste dalla legge.

Il ragionamento che giustificava l’esenzione era semplice. Cioè i comuni rinunciano all’imposta, perché il vantaggio che la comunità riceve da tali attività è di gran lunga superiore. E questo lo sanno bene i nostri concittadini, i quali apprezzano il bene che viene fatto attraverso le opere caritative.


PODATKI

Leggi anche:
Preghiera a San Matteo quando si avvicina il periodo delle tasse

La bugia che si ripete

Contrariamente a quanto molti hanno scritto e continuano a scrivere, l’esenzione non si è mai applicata alle attività alberghiere, anche se gestite direttamente da istituti religiosi. Esse pagavano totalmente le imposte, mentre l’esenzione si applicava alle sole attività ricettive svolte senza percepirne reddito. Per esempio, case famiglia o strutture per l’accoglienza di profughi e senza tetto (Vatican News, marzo 2020).


OFFERS

Leggi anche:
La risposta da dare a chi dice: “La Chiesa è ricca, ha un sacco di soldi”

Calcoli sbagliati sulle presunte tasse non pagate

Secondo calcoli di un esponente politico dei 5stelle, non suffragati da elementi di prova, questa somma di tasse non pagate dal Vaticano ammonterebbe a 5 miliardi. Si tratta di una stima doppiamente sbagliata. In primo luogo perché studi ben più attendibili di organi dello Stato parlano di 100 milioni all’anno per sei anni. E in secondo luogo perché attribuisce alla Chiesa tout court l’intero ‘debito’ del mondo non profit che è ben più ampio di quello cattolico.

Tra l’altro autorevoli esponenti ecclesiastici (tra i quali lo stesso presidente Apsa Nunzio Galantino e i vertici della Cei) si sono pronunciati più volte per la disponibilità a pagare quanto eventualmente dovuto per quegli anni (Avvenire, 20 ottobre 2020).




Leggi anche:
“Il mito della Chiesa che non paga le tasse sugli immobili”

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Raffaele De Fulvio
Informazioni su Raffaele De Fulvio 7637 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.