Perché i Vangeli parlano così poco di San Giuseppe?

Fonte dell’articolo Aleteia.org – Autore Vatican News

Testi Sacri Holyart.it

“Le persone che hanno partecipato alla storia della nostra salvezza sono importantissime, ma parlarne non è l’obiettivo primario degli evangelisti”

Perché san Giuseppe ha così poco spazio nel Vangelo? Del resto, il padre adottivo di Gesù è una figura di immensa importanza per noi cattolici.

La domanda viene da José Antônio, di Carapicuíba (San Paolo, Brasile), che ha interpellato al riguardo padre Cido Pereira. Il sacerdote tiene una rubrica di domande e risposte sul quotidiano O São Paulo, dell’arcidiocesi di San Paolo. Ecco la risposta di padre Cido:

“Fratello mio, molte persone restano stupite come lei per il fatto che la Bibbia non sia molto minuziosa circa persone e fatti. Ecco alcuni esempi: l’adolescenza e la giovinezza di Gesù, la vita della Sacra Famiglia a Nazareth, la morte di Giuseppe e Maria”.


SAINT JOSEPH

Leggi anche:
Chiedete a San Giuseppe di proteggere la Chiesa durante le avversità

Gesù è il centro dei Vangeli

“Vale la pena di ricordare, però, José Antônio, che i Vangeli non sono stati scritti per parlare di San Giuseppe, della Madonna o degli apostoli, ma per metterci a parte dell’evento decisivo della storia della salvezza, che è stato l’ingresso di Gesù, il Figlio di Dio, nella nostra storia umana.

Prenda la sua Bibbia e veda come ogni evangelista inizia il suo Vangelo: tutti si riferiscono a Gesù. San Matteo inizia citando l’origine di Gesù. San Marco affronta subito all’inizio la Buona Novella di Gesù, il Messia, figlio di Dio. Luca afferma di aver deciso di scrivere dopo un attento studio e aver interpellato i testimoni oculari che hanno vissuto con Gesù. Giovanni compie una meditazione profonda su Gesù, il Verbo di Dio. È Gesù che interessa. Le persone che hanno partecipato alla storia della nostra salvezza – Zaccaria, Elisabetta, Giovanni Battista, Giuseppe e Maria – sono importantissime, ma parlarne non è l’obiettivo primario degli evangelisti”.




Leggi anche:
Perché San Giuseppe è associato al 1° maggio?

San Giuseppe nella Bibbia

“Circa San Giuseppe, ciò che conta, come afferma San Matteo, è sapere che era un ‘uomo giusto’ e che ha assunto la missione di sposo fedele di Maria e di custode e tutore di Gesù. Egli ha sostenuto la Sacra Famiglia con il suo lavoro. Il resto che sappiamo sono nostre deduzioni: Giuseppe è morto tra le braccia di Gesù e Maria, probabilmente prima dell’inizio della vita pubblica di Cristo, ed è protettore dei lavoratori, dei capofamiglia e degli amministratori.

C’è stato un gruppo di scrittori che ha provato di colmare i vuoti lasciati da Matteo, Marco, Luca e Giovanni e ha scritto alcuni Vangeli chiamati apocrifi. Essendo tanti fantasiosi, la Chiesa non li considera ispirati da Dio, e così non fanno parte della Bibbia. Fissiamo allora la nostra attenzione, come volevano gli evangelisti, sulla persona di Gesù. Vale la pena di accoglierLo con amore, come hanno fatto Gesù e Maria, vale la pena di ascoltare Gesù, di seguirLo e testimoniarLo, perché Egli è l’unico Signore della nostra vita, il principio e la fine di tutto, la Via, la Verità e la Vita”.


Consecration to St. Joseph

Leggi anche:
Come la consacrazione a San Giuseppe può cambiarvi la vita

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Raffaele De Fulvio
Informazioni su Raffaele De Fulvio 7408 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.

Commenta per primo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.