P. Zezinho sui sacerdoti che hanno scelto di “essere marito e padre”

Fonte e Autore dell’articolo: Aleteia.org

Testi Sacri Holyart.it

Attraverso Facebook, il sacerdote brasiliano padre Zezinho si è espresso riguardo ai sacerdoti che chiedono la dispensa dal ministero per sposarsi. A suo avviso, è una situazione complessa legata al cammino di discernimento vocazionale di ciascuno, e non uno scenario che potrebbe essere “risolto” con l’abolizione del celibato, come tanti sostengono.

Ecco il testo condiviso da padre Zezinho con il titolo “I misteri che abitano negli altri”:

Il desiderio di condividere la vita con la donna di cui è innamorato e vuole avere dei figli fa scegliere a più di un sacerdote di essere “marito e padre” e di abbandonare il fatto di essere ministro degli altri sacramenti.

Scelta difficile per chi vorrebbe continuare ad essere sacerdote, ma sposato e con figli.

La Chiesa sa perché ha chiesto questo nel passato e ancora lo chiede. Non si tratta semplicemente di sposarsi o non sposarsi! Nessun matrimonio è semplice, e le persone sposate lo sanno bene! Se fosse semplice, non ci sarebbero tanti divorzi e tante separazioni!

Nel corso del cammino molti cambiano idea. Alcuni sono felici, altri non ci si sono ritrovati, e né la paternità né la vita coniugale li ha resi felici.

C’erano un altro cervello e un altro cuore nella stessa casa! E ogni cuore è un piccolo universo. Non è come Terra e Luna. Non è un semplice pareggio 5-5 tutto il tempo!

Sognare la felicità non è lo stesso che trovarla!

Ciò vale per qualsiasi cristiano di qualsiasi Chiesa che abbia provato a sognare un’altra persona perché il sogno precedente non stava dando i risultati sperati! Molti neanche al terzo o quarto sogno si svegliano felici!

È che l’altro o l’altra non smetterà mai di essere altro o altra! O la persona si tranquillizza e capisce, o soffrirà o farà soffrire.

Gli esseri umani non sono mattoni o tegole che si aggiustano con piccoli tocchi. Se non c’è amore-rinuncia, sarà un aggiustamento fatto male!

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Raffaele De Fulvio
Informazioni su Raffaele De Fulvio 7135 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.

Commenta per primo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.