«Nessuno dei miei due padri sarà mai mio padre»

Fonte dell’articolo Aleteia.org – Autore Vatican News

Testi Sacri Holyart.it

Dani Shapiro è nata da un dono di sperma. Nel suo memoir autobiografico “Heritage” (2019-2020) racconta quanto questa scoperta abbia sconvolto la sua esistenza.

Della mia infanzia non mi resta che questo sentimento primordiale: per tutta la vita ho avuto l’impressione che qualcosa non tornasse. Ero diversa, dico dall’esterno. La mia famiglia non formava un tutto coerente. I miei genitori e io vivevamo in un mondo fragile. Avevo l’intima convinzione che la mia stessa esistenza ponesse un enorme problema, e che tutto ciò fosse colpa mia.

Dani Shapiro, Heritage

A 54 anni, in occasione di un test del DNA, Dani Shapiro – newyorkese bionda con gli occhi azzurri, nata in una famiglia ebrea proveniente dall’Europa dell’Est – scopre che il padre da lei tanto amato non è il suo padre biologico. La sua sorellastra, con cui non condivide nulla, non è sua sorella. La terra le trema sotto i piedi.

Qualcosa d’irriducibile

In questo racconto autobiografico l’autrice racconta il cammino che dovrà percorrere per comprendere quel che i suoi genitori – ormai defunti – le hanno sempre nascosto.

Potrò tornare mai a guardare di nuovo una foto di me, di mio padre o di mia madre, senza essere assalita dall’idea agghiacciante che la nostra vita famigliare sia stata costruita fin dall’inizio su una menzogna?

Una menzogna che – lo avrebbe scoperto – avrebbe minato la vita di coppia dei suoi genitori sviluppando la “tendenza a svalutarsi” del padre e “il disgusto” della madre.

Da parte sua, gli indizi ottenuti la conducono assai presto, passaggio dopo passaggio, all’identità del suo padre biologico. Un uomo a cui assomiglia fisicamente e la cui eredità non si limita a questioni di salute.

Quel che c’è di affascinante – cosa che del resto si ritrova in un certo numero di testimonianze – è che al di là della cultura e dell’educazione qualcosa di irriducibile si trasmette per via genetica: gusti, attitudini, modi di essere che fanno sì che un padre biologico non sia un mero donatore di sperma.

Le lacune della paternità artificiale

In questo senso, la sua testimonianza torna a rimettere in discussione le gender theories, secondo le quali la natura non conterebbe nulla nella costruzione della persona, la quale potrebbe “scegliersi” secondo tendenze che si farebbero nel corso dello sviluppo.

Mentre si cerca di sdoganare perfino l’utero in affitto, il libro pone questioni sulla paternità, solleva interrogativi etici e umani legati ai metodi di procreazione artificiale che lasciano il bambino e i suoi genitori davanti a delle lacune.

Dani Shapiro descrive benissimo ciò che questa scoperta – di un qualcosa che inavvertitamente ha portato tutta la vita – significa per lei:

Ho sempre saputo che la mia famiglia aveva un segreto. Quel segreto ero io. […] Nessuno dei miei due padri sarà mai mio padre […]. C’era e ci sarà sempre un’instabilità nelle fondamenta delle mie origini.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Raffaele De Fulvio
Informazioni su Raffaele De Fulvio 8603 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.