migranti in ogni parrocchia e convento

«Mi rivolgo ai cardinali, ai vescovi, ai presbiteri, ai religiosi: apriamo, a cominciare da me, le nostre canoniche, i conventi, i monasteri per ospitare ognuno almeno una famiglia dei campi profughi di Lesbo, per poterli svuotare tutti. Le risorse ci sono».

È l’appello lanciato dall’elemosiniere del Papa, il cardinale Konrad Krajewski, che  il 4 dicembre ha accolto i primi 33 rifugiati arrivati a Fiumicino dall’isola di Lesbo attraverso un corridoio umanitario. Krajewski è lo stesso cardinale che lo scorso maggio fece parlare di sé quando riattivò la corrente in uno stabile occupato a Roma (SkyTg24, 4 dicembre).

KARDYNAŁ KONRAD KRAJEWSKI

Vandeville Eric/ABACA/EAST NEWS
Il cardinale Krajewski

“La speranza di ferma in Grecia”

Il cardinale polacco, parlando dei rifugiati dei quali si sta occupando, poi aggiunge: «A maggio nei campi c’erano 7mila persone; oggi ce ne sono oltre 15mila con 800 bambini non accompagnati. Non c’è così per loro speranza oggi. Si ferma in Grecia. Vivono in disagio e condizioni drammatiche. Un problema ed una vergogna per l’Europa».



Leggi anche:
Il Papa pranza con i rifugiati che ha portato a Roma da Lesbo

“Sarà il nostro miracolo”

«Il Pontefice – ha continuato il cardinale – è colui che mette i ponti. Oggi abbiamo messo questo ponte che si chiama corridoio umanitario. È una cosa totalmente evangelica».

Il grazie della Santa Sede va al governo italiano che ha permesso questo corridoio e al governo greco che, oltre ad aver lavorato al superamento dei problemi burocratici, ha anche pagato i biglietti di tutti quelli che sono arrivati oggi. «Dio fa le grandi opere», ha detto l’elemosiniere. «Ma con tutta la gente di buona volontà, possiamo moltiplicare questi corridoi e questo sarà il nostro miracolo» (Agensir, 4 dicembre).



Leggi anche:
43 profughi “adottati” da Papa Francesco: provengono dall’isola di Lesbo

Testi Sacri Holyart.it

Vai alla fonte

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Informazioni su Raffaele De Fulvio 6209 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.