Metti un Papa che gioca in Vaticano con un bambino di 2 anni (reduce dal trapianto)

Papa Francesco entra nella sala in Vaticano, poi si blocca e torna indietro. Ha visto che c’è Lorenzo Foletti, 2 anni, originario di Codogno (Lodi): scherza con lui e gli accarezza la testa.

Ovviamente enorme l’emozione per i genitori del piccolo Lorenzo, papà Luca e mamma Irina: «E’ stato incredibile osservare ridere il Papa con nostro figlio».

Il trapianto

Il piccolo, nato il 24 novembre 2017, affetto da atresia alle vie biliari (una malattia rara, degenerativa e progressiva da causa non nota che porta a distruzione progressiva delle vie biliari), a pochissimi mesi di vita, il 2 giugno 2018, ha subìto un trapianto di fegato all’ospedale “Papa Giovanni” di Bergamo.

Un intervento riuscito, seppur fra le mille complicazioni (dai rigetti alle infezioni e una nuova piccola operazione che lo attende il mese prossimo) (www.liberta.it, 22 settembre).

Il timore…di essere “sgridati”

«È stata un’emozione immensa, un sogno che si è realizzato e per cui desidero ringraziare monsignor Rino Fisichella – commenta papà Luca di ritorno da Roma – appena è entrato nella sala, Papa Francesco si è fermato per salutare Lorenzo e il nostro piccolo poco dopo si è messo a girare per la stanza». A quel punto i genitori hanno temuto di essere “sgridati”, ma è stato detto loro di non preoccuparsi e lasciare libero il piccolo Lorenzo, poichè a Papa Francesco non dispiace affatto vedere un bambino giocare felice.

In una giornata densa di emozioni, il grazie e la preghiera della famiglia è andato a tutti coloro che hanno aiutato Lorenzo e che sostengono il progetto. Così come al piccolo che non ha ancora smesso di lottare (Il Cittadino, 23 settembre).

La metafora del mare

Sempre al suo fianco i genitori, sin dall’inizio della battaglia per la vita del piccolo Lorenzo. Il padre, Luca, aveva attraversato lo stretto di Messina a nuoto, come testimonial delle onlus che si adoperano per rendere la vita migliore ai bambini trapiantati degli ospedali di Bergamo e Brescia,

La metafora del mare, infatti, è quella scelta da papà Luca per ricordare che nella vita ci sono ostacoli, come le onde, che ti sospingono invece oltre i limiti dei nostri orizzonti.

Testi Sacri Holyart.it

Vai alla fonte

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Informazioni su Raffaele De Fulvio 6162 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.