Martedì 23 ottobre 2018, XXIX Settimana Tempo Ordinario

Beati… se li troverà vigilanti al suo arrivo!

Siamo invitati dal Vangelo di oggi a guardare se le nostre lucerne sono accese, se siamo vigilanti. La nostra vigilanza non è uno scrutare nel buio. E’ un tenere luminosa, in noi davanti al mondo, la presenza del Signore, continuando la sua missione tra i fratelli. Se camminassimo come lui ha camminato, presteremo i piedi per il suo ritorno. “Siate pronti, con la cintura ai fianchi e le lucerne accese”. Non importa che il padrone non arrivi in un’ora prefissata: quello che ha valore, è vivere nella disponibilità del suo ritorno. Il tempo dell’attesa infatti non è finalizzato in se stesso, ma in funzione del servizio, giacché il Regno si àncora e si matura nell’operosità della nostra vita. L’uomo è ciò che attende. La cosa più sorprendente della parabola è il cambiamento di situazione che si ha come premio per la vigilanza dei servi. “Siate simili a coloro che aspettano il padrone quando torna dalle nozze, per aprirgli subito, appena arriva e bussa”. Questi diventano signori che il padrone fa sedere a tavola per servirli egli stesso. L’arrivo del Regno di Dio li ricompenserà in abbondanza. Gesù dirà: “Chi è più grande, chi sta a tavola o chi serve? Non è forse colui che sta a tavola? Eppure io sto in mezzo a voi come colui che serve”. Nella Chiesa il comportamento tipico di Gesù è stato reso con l’immagine del servire a tavola. Gli eletti troveranno nel Regno di Dio lo stesso comportamento di Gesù che ha caratterizzato la sua esistenza. La riaffermata beatitudine: “se, giungendo nel mezzo della notte o prima dell’alba, li troverà così, beati loro”, indica l’importanza della vigilanza, anche se l’attesa si prolunga senza fissa scadenza.

Vai alla fonte

Testi Sacri Holyart.it

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Raffaele De Fulvio
Informazioni su Raffaele De Fulvio 7147 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.