Liturgia della settimana :: Commento :: Mercoledì 26 febbraio 2020

Ecco ora il momento favorevole.

Il tempo, che è sempre favorevole, se vissuto come dono e come veicolo verso l’eternità, diventa prezioso, quando ci viene concesso come spazio di santificazione, di purificazione, come percorso verso una meta, una solennità che potentemente e mirabilmente ci coinvolge nel tempo ed è per noi preludio di risurrezione come la Santa Pasqua. Oggi inizia la quaresima. La scrittura, la Parola di Dio, ci indicano puntualmente il percorso da compiere: Così dice il Signore: «Ritornate a me con tutto il cuore, con digiuni, con pianti e lamenti. Laceratevi il cuore e non le vesti, ritornate al Signore, vostro Dio, perché egli è misericordioso e pietoso, lento all’ira, di grande amore». Tornare e sinonimo di conversione, è un “passaggio” antico e sempre nuovo, é fare esperienza della misericordia e della pietà e dell’amore di Dio. Per questo: “Proclamate un solenne digiuno” per dire insieme con vera compunzione del cuore: «Perdona, Signore, al tuo popolo». San Paolo si fa ambasciatore e ci supplica in nome di Cristo a lasciarci riconciliare con Dio. La quaresima deve essere tempo di Confessione sacramentale, di pieno recupero della grazia di Dio. E per animarci alla fiducia, ci ricorda: «Al momento favorevole ti ho esaudito e nel giorno della salvezza ti ho soccorso». Le pratiche quaresimali, ma nulla di quanto facciamo per il Signore, per la nostra santificazione, deve mai diventare motivo di futile ostentazione. «Invece, Gesù ci esorta, quando tu digiuni, profumati la testa e lavati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà».

Vai alla fonte

Testi Sacri Holyart.it

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Informazioni su Raffaele De Fulvio 10649 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.