L’Immacolata Concezione, il dogma che la Vergine Maria ha confermato personalmente

Fonte e Autore dell’articolo: Aleteia.org

Testi Sacri Holyart.it

Era il 1858. Ai piedi dei Pirenei, in Francia, una donna apparve all’adolescente Bernadette Soubirous, di 14 anni, in una serie di visioni durate cinque mesi, da febbraio a luglio.

La “Signora” chiese che si facesse penitenza per la conversione dei peccatori e che venisse costruito un santuario in cima al deposito di immondizia in cui avevano luogo le apparizioni.

Scorrete nella galleria delle immagini dell’Immacolata Concezione:

Bernadette, la ragazzina asmatica della famiglia più povera della città, divenne immediatamente oggetto di discredito. Perseverante nonostante derisioni e sospetti, Bernadette imparò l’obbedienza a quella che Papa Pio XII avrebbe chiamato la “scuola di Maria”.

Grazie alla sua sottomissione agli orientamenti della Signora, sul luogo sgorgò una fonte le cui acque dotate di poteri curativi avrebbero realizzato vari miracoli già confermati.

L’adolescente trasmise al parroco la richiesta della Signora affinché venisse costruita una cappella sul luogo della grotta. Egli inizialmente respinse la richiesta, ma dopo qualche tempo la scarsa istruzione di Bernadette finì per confermare l’autenticità di quegli eventi soprannaturali e dei concetti complessi che implicava.

La Signora si era presentata a Bernadette dichiarando: “Io sono l’Immacolata Concezione”.

Come avrebbe potuto quella povera ragazzina sapere che quattro anni prima era stato promulgato da Papa Pio IX il dogma dell’Immacolata Concezione? Non sapeva nemmeno cosa significasse “concezione”!

Le autorità locali volevano impedire che le folle visitassero il luogo. Cercavano di forzare una condanna da parte del vescovo, che istituì una commissione d’inchiesta. Quattro anni dopo, le apparizioni vennero dichiarate autentiche, e nel 1876 la basilica sulla grotta venne consacrata.

Grazie alle apparizioni a Lourdes, il dogma dell’Immacolata Concezione divenne una questione di discussione comune e aiutò a diffondere una comprensione della logica divina preservando Maria dalla macchia del peccato.

Bernadette morì in un convento, nascosta dal mondo, 21 anni dopo l’ultima apparizione. Il suo corpo rimase internamente incorrotto, ma non senza difetti esterni; durante la terza esumazione, nel 1925, sono stati collocati dei rivestimenti di cera sul volto e sulle mani prima che il corpo venisse trasferito in un reliquiario di cristallo nello stesso anno.

Per i cattolici, i santi incorrotti aiutano a contemplare quanto l’illuminazione divina riesca a elevare un essere umano a un tale stato di santità che le cellule destinate alla polvere vengono preservate.

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Raffaele De Fulvio
Informazioni su Raffaele De Fulvio 8030 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.