la suora portoghese assassinata dopo un tentativo di stupro potrebbe essere beatificata

La Congregazione vaticana delle Cause dei Santi ha spinto le religiose Serve di Maria Ministre degli Infermi ad avviare il processo di raccolta di informazioni, insieme alla diocesi portoghese di Porto, per l’eventuale processo di beatificazione di suor Maria Antónia Pinho, assassinata il mese scorso per aver resistito a un tentativo di stupro.

Secondo il sito CM TV, madre Inês Flores Vasques, superiora della comunità religiosa, ha affermato che è ancora presto per pensare al processo, ma ha sottolineato che suor Antónia è stata uccisa nel pieno svolgimento della sua missione.

Un crimine codardo

Maria Antónia Pinho, di 61 anni, era affettuosamente chiamata suor Tona. È stata trovata morta l’8 settembre, con tracce di violenza sessuale e asfissia, in casa dell’ex carcerato Alfredo Santos. La suora gli avrebbe dato un passaggio perché è figlio di una signora che accompagnava, visto che lavorava con malati e anziani.

Come presunto ringraziamento, Alfredo avrebbe offerto a suor Tona un caffè, e poi avrebbe cercato di violentarla ricorrendo a un colpo in cui la vittima subisce lo strangolamento. Secondo la polizia, che ha arrestato Santos il giorno stesso, sarebbe stato questo a provocare la morte della religiosa, che ha resistito al tentativo di stupro. Dopo il colpo, l’assassino l’ha gettata sul letto e l’ha violentata.

Dipendente chimico, Santos era in libertà condizionata da tre mesi. Aveva scontato parzialmente la condanna a 16 anni di carcere per due stupri. Il mese prima dell’assassinio di suor Tona aveva cercato di violentare una ragazza di 20 anni.

Testi Sacri Holyart.it

Vai alla fonte

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Informazioni su Raffaele De Fulvio 5393 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.