La basilica di Sant’Agostino, una chiesa “al femminile”

Fonte e Autore dell’articolo: Aleteia.org

Testi Sacri Holyart.it

Rivivi l’antica tradizione quaresimale dei cristiani di Roma. Alla scoperta delle “chiese stazionali”

Il sabato dopo le Ceneri, la stazione quaresimale è nella basilica di Sant’Agostino. La chiesa attuale risale al XV secolo e sorge sulla precedente chiesa di S. Trifone. La facciata è costruita con blocchi travertino provenienti dal Colosseo.

La basilica di Sant’Agostino è una chiesa “al femminile”: qui sono le donne a dominare la scena. Innanzi tutto la Vergine, qui venerata come “Madonna del Parto”. Il culto si è sviluppato dal 1820, in seguito al voto di un giovane operaio, la cui moglie aveva una gravidanza a rischio. Da allora una lampada arde – per grazia ricevuta – davanti alla statua e tantissimi ex voto si sono aggiunti nel tempo. Nel 1822, Pio VII concesse un’indulgenza a chi avesse pregato la Madonna e baciato il piede della statua. Ben presto il piede di marmo si consumò e fu sostituito con uno d’argento.

Nella basilica sono custoditi i resti di S. Monica, una mamma che ha consumato la sua vita per la conversione del figlio, quell’Agostino a cui la basilica è dedicata, uno dei più grandi santi della Chiesa.


SAINT MONICA

Leggi anche:
Conoscete il luogo in cui è morta Santa Monica?

Si trova qui anche la “Madonna del Pellegrini”, uno dei più noti e ammirati (e scandalosi, per l’epoca) capolavori del Caravaggio. Altra curiosità: in passato la chiesa era nota perché era l’unica, a Roma, ad ammettere le cortigiane.

L’esempio della Madonna e di S. Monica ci indicano la preghiera come via privilegiata per amare Dio e i fratelli. Se preghiamo, Dio può compiere miracoli per noi e per gli altri.

Io non sono venutoa chiamare i giusti,ma i peccatoriperché si convertanoLc 5, 32

* In collaborazione con l’Ufficio comunicazioni sociali del Vicariato di Roma

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Raffaele De Fulvio
Informazioni su Raffaele De Fulvio 8260 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.