In Irlanda un pozzo miracoloso è la sede di un “minicammino”

Dopo che San Patrizio ha gettato basi solide per il cristianesimo in Irlanda, i suoi successori hanno portato avanti la sua opera e hanno creato forti punti d’appoggio in tutto il Paese. Uno di questi missionari è stato San Finbarr, noto per la sua opera nell’Irlanda del Sud, soprattutto nella contea di Cork.

Della sua vita si sa poco, ma secondo Failte Ireland “San Finbarr nel VI secolo ‘ammonì il popolo a tornare a Cristo, poi proseguì fino a Gougane Barra’. Da allora, la popolazione locale… percorreva i 37 chilometri soprattutto il giorno della festa del santo, il 25 settembre”.

Al suo arrivo, Finbarr istituì un piccolo eremo su un’isola sul lago di Gougane Barra, e apparve un pozzo miracoloso. Alcuni dicono che venne provocato dalle preghiere del santo.

La sua solitudine fu presto disturbata da un grande serpente marino, o drago, che egli cacciò via. Le leggende locali affermano che il fiume Lee venne creato dalla coda del serpente che fuggiva da Finbarr.

Negli ultimi anni è aumentato l’interesse nei confronti di questo pellegrinaggio, e molti lo definiscono oggi “Cammino di Cork”, collegandolo al famoso Cammino di Santiago.

Finbarr è anche noto come fondatore di un altro monastero che avrebbe presto attirato molte persone, che si stabilirono nelle sue vicinanze. Questo insediamento sarebbe poi diventato la città di Cork, centro di cultura e istruzione dell’Irlanda meridionale.

Anche se la vita di Finbarr è avvolta nella leggenda, la sua eredità dura ancora oggi.

Testi Sacri Holyart.it

Vai alla fonte

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Informazioni su Raffaele De Fulvio 6162 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.