Il solo grande amore di Alain Delon, la Vergine Maria

Il suo volto d’angelo dallo sguardo ardente è così familiare al pubblico francese che la maison Dior non ha esitato ad associala l’anno scorso al fortunato profumo “Eau sauvage”: una foto del 1966 in cui Alain Delon, capelli al vento, barba di qualche giorno, sopracciglio appena increspato, è irresistibile nel fulgore della sua giovinezza e del suo fascino. Che oggi abbia 83 anni, una chioma argentata e notevoli borse sotto i suoi occhi di fuoco, non cambia niente: Alain Delon è e resterà, con quasi 90 film all’attivo, uno dei miti del cinema francese. A maggio scorso ha ricevuto la Palma d’Oro alla Carriera al Festival di Cannes. Stando alle sue parole, furono le donne a spingerlo a fare cinema. Ha girato con le più grandi attrici (Simone Signoret, Claudia Cardinale, Catherine Deneuve, Ornella Muti, Lauren Bacall…) e corteggiato alcune fra loro: prima fra tutte Romy Schneider, con la quale fu fidanzato per quattro anni.

Sono noti diversi suoi flirt con diverse vedettes (Dalida, Anne Parillaud…) e dei legami più stabili e duraturi con tre donne di seguito: Nathalie, la prima moglie, madre del figlio Anthony; l’attrice Mireille Darc, sua compagna per 15 anni e fedele amica per il seguito; in ultimo, la modella olandese Rosalie, sua seconda moglie, dalla quale ha avuto due figli (Anouchka e Alain-Fabien), prima di separarsene dopo quattordici anni di vita comune.

Oggi, però, che vive solo e che le sue forze declinano, sembra che ci sia una sola donna nella sua vita: la Vergine Maria! Una rivelazione sorprendente sull’eterno seduttore, il quale confida che gli sarebbe piaciuto interpretare il ruolo di Cristo: crede molto nel Figlio, ma non (così dice) al Padre… troppo “disincarnato”, per lui? Maria, da parte sua, ha i piedi ben piantati per terra. È questo il segreto dell’attrazione che esercita sul divo?

Credo molto [in Maria]. [Le] parlo molto – ha assicurato al Figaro Magazine lo scorso maggio –. È la mia cara, la mia confidente. La donna che più amo al mondo.

Già nel novembre 2018, nella trasmissione “Thé ou Café”, aveva dichiarato la sua passione per la Vergine:

Ho una passione folle per Maria. È la donna al mondo che per me rappresenta di più, […] la donna al mondo che più mi fa pensare e sicuramente quella a cui mi rivolgo più spesso. […]. Le parlo a casa mia, a casa mia le parlo, da solo, e le dico quel che ho da dirle.

Con grande sorpresa della conduttrice Catherine Ceylac, l’attore ha tirato allora fuori una statuetta di Maria da cui non si separa mai, e ha decretato, imbarazzandola: «È più che una madre […], mi accompagna dappertutto».

Gli habitués di Paris Match saranno stati forse gli unici a non essere sconvolti dalle dichiarazioni di Alain Delon. In effetti aveva già detto cose simili sul settimanale:

Amo tutto ciò che [quella donna] ha fatto. […]. Mi dà un sollievo, mi dà una compagnia che da me non ho: è sempre presente. Mi ascolta e mi conforta.

Una professione di fede che risuona con forza mentre il toccante film di Thierry Demaizière e Alban Teurlai dedicato a Lourdes dà conto di come la Vergine illumina i cuori dei nostri contemporanei, quale che sia l’orizzonte da cui essi provengono.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Vai alla fonte

Testi Sacri Holyart.it

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Informazioni su Raffaele De Fulvio 5471 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.