il Lifeline Express, treno-ospedale che salva vite

 

Se non vai all’ospedale, l’ospedale viene da te. Dal 1991 il Lifeline Express attraversa l’India da parte a parte. Vero ospedale ambulante, lo chiamano “il convoglio magico” e ha una particolarità: è dotato di equipaggiamento medico di prima scelta e offre cure mediche gratuite a quelli che non hanno accesso a ospedali per via del loro isolamento geografico e/o della povertà economica.

© Capture d’écran YouTube

 

Alcuni medici a bordo del Lifeline Express.

Infatti il Paese, che conta più di 1,3 miliardi di persone, manca di ospedali e di dispensari, e molte persone sono troppo povere per potersi permettere cure adatte. All’interno di queste sette carrozze celesti ornate con un arcobaleno si trovano dei veri e propri blocchi operatori, sale d’aspetto, attrezzature specialistiche per visite radiologiche, ginecologiche, oftalmologiche, ortopediche…

Più di 1,2 milioni di persone curate

Fondato dalla ONG indiana Impact India Foundations, il treno-ospedale ha già permesso di curare più di 1,2 milioni di persone nel subcontinente indiano, dal Rajasthan al Karnakata passando per il Maharashtra. Una quarantina di medici volontari lavorano all’interno del treno celeste, aiutati nella loro missione da una decina di impiegati salariati. Se le squadre fanno turni mensili, il convoglio si mette in marcia verso città differenti, partendo alla volta di popolazioni delle zone rurali. Si diagnosticano epilessie, si curano cancri, si operano cataratte. Insomma, ci si prende cura dei più fragili.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Vai alla fonte

Testi Sacri Holyart.it

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Informazioni su Raffaele De Fulvio 5649 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.