Giovedì 28 marzo 2019, III Settimana Tempo di Quaresima

È giunto a voi il regno di Dio.

«Questa è la nazione che non ascolta la voce del Signore, suo Dio, né accetta la correzione. La fedeltà è sparita, è stata bandita dalla loro bocca». È il forte rimprovero che Geremia rivolge al suo popolo, un rimprovero di grande innegabile attualità. È quanto anche Gesù dice ai soliti avversari mal pensanti e sordi del suo tempo dopo l’assurda accusa: «È per mezzo di Beelzebùl, capo dei demoni, che egli scaccia i demoni». È blasfemo! È l’opposto di quando sta avvenendo, l’opposto della missione redentrice e salvifica che il Messia sta portando nel mondo: “È giunto a voi il regno di Dio”: ciò significa lanciare la sfida a un potere secolare identificato pienamente con quello divino. I nemici del Signore rifiutano di comprendere che quando arriva uno più forte non soltanto scaccia i demoni, ma strappa via le armi nelle quali essi confidavano e annienta il loro falso potere. Dice il Signore: “Ecco, faccio una cosa nuova; proprio ora germoglia; non ve ne accorgete?” Numerosi credenti dei primi secoli hanno dato la propria vita per affermare che anche l’imperatore è sottomesso a un potere infinitamente più grande del suo. Non accorgersi del Signore, non accettarlo è il peccato che con incredibile ostinazione si ripete nel mondo: è non vedere e non sentire quanto il Battista acclamava: «Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo!». È anche la pulsante tentazione che fa pensare a molti che Beelzebùl stia trionfando. Gesù, vero Signore della storia, ci illumina: «Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me, disperde». La dispersione, il male e i mali non sono opera del Signore; vengono dal maligno, che come gramigna ne invade il campo. Ecco allora la via del ritorno, della conversione: «Or dunque – parola del Signore – ritornate a me con tutto il cuore, con digiuni, con pianti e lamenti». Laceratevi il cuore e non le vesti, ritornate al Signore… Celebriamo con fervore la santa quaresima e incamminiamoci fiduciosi verso la Pasqua.
Dio al primo posto.

Vai alla fonte

Testi Sacri Holyart.it

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Raffaele De Fulvio
Informazioni su Raffaele De Fulvio 7153 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.