Giovedì 23 gennaio 2020, II Settimana Tempo Ordinario

Gesù insegna con “autorità”.

Era molto intenso e fecondo l’apostolato di Gesù con i suoi discepoli. Egli svela in crescendo la sua natura divina, la sua missione, i suoi poteri. Contrariamente agli scribi, ai farisei e ai sacerdoti del tempo, le folle rimangono affascinate dai suoi insegnamenti: “Una dottrina nuova insegnata con autorità”, non come la insegnavano i loro scribi; e poi i suoi prodigi, il suo potere taumaturgico: “quanti avevano qualche male si gettavano su di lui per toccarlo”. Ricordiamo l’emorroissa! “Gli spiriti impuri, quando lo vedevano, cadevano ai suoi piedi e gridavano: «Tu sei il Figlio di Dio!». Ma egli imponeva loro severamente di non svelare chi egli fosse”. Gesù non vuole la testimonianza di Satana, nemico e mendace sin dal principio, gradisce invece quella che proviene dai cuori semplici della gente umile. Deve spesso sottrarsi alla calca della folla e rifugiarsi in luoghi solitari: “Egli disse ai suoi discepoli di tenergli pronta una barca, a causa della folla, perché non lo schiacciassero”. Ci suscita nostalgia e rammarico, dopo aver letto episodi evangelici come questo, vedere poi ai nostri giorni le chiese vuote e le Messe domenicali con pochi fedeli. C’è da chiedersi se la causa non sia la mancanza di “autorità” e santità da parte dei pastori di oggi. Chissà che Gesù non veda ancora la folla che vaga per le strade del mondo e si commuova per loro, vedendole come pecore senza pastore, e non si metta ad insegnare come ai suoi tempi. E non ci ripeta: “Abbiate fiducia, perché a suo tempo Egli vi manderà dei pastori a pascervi, secondo il Suo cuore”! «La messe è molta, ma gli operai sono pochi! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!».

Vai alla fonte

Testi Sacri Holyart.it

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Informazioni su Raffaele De Fulvio 6478 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.