Fate paragoni tra i vostri figli? Liberatevi da questa (cattiva) abitudine

Fonte e Autore dell’articolo: Aleteia.org

Testi Sacri Holyart.it

Contemplare la diversità della vita dei santi può aiutarvi a cessare di fare paragoni tra i vostri figli.

di padre Vincent de Mello

Quando si guardano i santi, si rimane colpiti dalle loro enormi differenze; nessuno di loro assomiglia all’altro. Si può verificare, stando loro vicini, che la grazia di Dio non spegne la natura umana, ma la rende feconda. Tutti i colori di una tavolozza immensa sembrano portare una luce ogni volta diversa e questa considerazione è molto preziosa nell’educazione. La santità non genera cloni; lo sguardo dei genitori si arricchirà cercando di portare sui figli lo sguardo di Dio che ci impedisce di credere che i bambini si assomigliano o ci assomigliano.

Imparare a guardare gli altri con gli occhi di Dio

Accogliere la vita non consiste solo nel dare la vita; bisogna poi acconsentire pienamente alla grazia per ciascuno dei nostri figli e persino di cercarla. Da questa libertà interiore dei genitori nasce la libertà dei loro figli, e il segno di questa libertà interiore risiede nella gioia di ciascuno nel vedere gli altri dare un frutto diverso.

Possiamo rivelare al bambino, ma ancor più all’adolescente, che percepiamo ciò che è unico in lui e che amiamo ciò che costituisce la sua personale grazia. E possiamo farlo senza dover necessariamente paragonarlo ai suoi fratelli in termini di: “è meglio o è peggio”. Da questo nascerà gradualmente in lui la certezza di poter farsi strada, ma perché questo esercizio non sia formale, dobbiamo imparare a guardare l’altro continuamente con lo sguardo di Dio, a desiderare pazientemente la sua santità. Più grande sarà il nostro desiderio, più la nostra educazione sarà adeguata.




Leggi anche:
Fino a che età i genitori sono responsabili dell’educazione spirituale dei loro figli?


PARENTING

Leggi anche:
10 errori comuni nell’educazione dei figli

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Raffaele De Fulvio
Informazioni su Raffaele De Fulvio 8019 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.