Corruzione, giustizia, carità e il 7° Comandamento

“Il settimo comandamento proibisce di prendere o di tenere ingiustamente i beni del prossimo e di arrecare danno al prossimo nei suoi beni in qualsiasi modo. Esso prescrive la giustizia e la carità nella gestione dei beni materiali e del frutto del lavoro umano. Esige, in vista del bene comune, il rispetto della destinazione universale dei beni e del diritto di proprietà privata. La vita cristiana si sforza di ordinare a Dio e alla carità fraterna i beni di questo mondo” (CCC, 2401).

“Non rubare” è una frase messa molto in discussione oggi che la corruzione, sviare denaro o estorcerlo sembra normale, ma questo comandamento esige il bene comune, il rispetto dei beni altrui.

Il settimo comandamento proibisce di rubare e insegna che ogni persona deve lavorare onestamente per sostentare la propria famiglia.

“Non rubare” sottolinea il valore primordiale e l’importanza del lavoro. L’uomo ne è autore e destinatario, e attraverso il suo lavoro partecipa all’opera della creazione unito a Cristo. Il lavoro può essere redentore. Il lavoro è la sentinella della virtù.

La Parola di Dio è piena di condanne del furto. La Bibbia espone molto chiaramente una posizione contraria alla corruzione. Si oppone all’ingiustizia dei più deboli e allo sfruttamento del salario dei lavoratori. Dice San Paolo: “Né ladri, né avari, né ubriaconi, né maldicenti, né rapaci erediteranno il regno di Dio” (1 Cor 6, 10).

I profeti accusavano coloro che sfruttavano i fratelli, e ogni furto richiede riparazione.

Ricordiamoci di Zaccheo, che si è sentito a disagio alla presenza del Figlio di Dio perché Gesù sapeva che era corrotto e ha promesso di restituire il quadruplo di quello che aveva rubato. La giustizia esige la restituzione del bene rubato, sia esso di una persona o di un’istituzione dello Stato.

Il Catechismo della Chiesa e la stessa dottrina sociale della Chiesa dicono proprio questo: l’ingiustizia richiede una riparazione (CCC, 2419).

La giustizia implica una riparazione. Riguardo al “Non rubare”, la dottrina sociale della Chiesa ci mette davanti a vari elementi che feriscono la dignità.

Tutta l’attività economica della giustizia sociale comporta la responsabilità dello Stato: accesso al lavoro, al giusto salario.

Dev’esserci una preoccupazione, al di sopra di tutto per la persona umana e per tutti i diritti ad essa collegati.

Testi Sacri Holyart.it

Vai alla fonte

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Informazioni su Raffaele De Fulvio 5450 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.

Commenta per primo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.