Come ravvivare il desiderio sessuale quando affievolisce

Fonte dell’articolo Aleteia.org – Autore Vatican News

Testi Sacri Holyart.it

Ci vuole poco per mantenere nella coppia il desiderio degli inizi della relazione

di Marie-Noël Florant

La sessualità può davvero essere soddisfacente in una relazione amorosa che dura da tanto? Il tempo non consuma lo slancio iniziale di una relazione? È ciò che dicono alcune coppie, come Brigitte e Pierre, che rimpiangono “quei tempi benedetti”, quando bastava essere nell’intimità affinché i loro corpi s’infiammassero. Oggi sentono di aver fatto il giro della loro sessualità, conoscendo, dicono, tutti i gesti e le carezze che amano. Questo può essere uno degli ostacoli, ma non è l’unico. Tuttavia per provare ancora interesse (e piacere) in questi momenti di intimità dei corpi, è necessario avere fantasia e inventiva!

Piccole separazioni per ritrovarsi meglio

A volte, col passare degli anni, può svilupparsi un certo pudore che mette in imbarazzo gli sposi all’idea di osare certe carezze: “Mio marito, mia moglie, può trovarmi troppo sensuale e quindi sconveniente”. Ma quale coniuge amorevole sarebbe scioccato nel ricevere delle carezze offerte con rispetto e tenerezza?




Leggi anche:
Il sesso, come Dio comanda…

Un’altra trappola dell’intesa sessuale tra i coniugi è la troppa promiscuità. Può sembrare contro-intuitivo, eppure il desiderio si nutre con una certa distanza. La vita quotidiana di solito si occupa di mettere un po’ di distanza tra i coniugi per via del lavoro professionale, del lavoro domestico, la gestione della vita familiare, ecc. Ma quando i figli ormai maggiorenni spiccano il volo e quando arriva la pensione, i coniugi tendono ad aumentare il tempo trascorso insieme. Ed è una benedizione vivere in due, ma bisogna fare attenzione a non vivere incollati l’uno all’altra. Le piccole separazioni generate dalle diverse attività permettono di creare quel piccolo divario che è davvero necessario per ritrovarsi meglio.

Nessuna coppia potrà evitare le crisi e le mancanze di desiderio. Ma sarà necessario fare attenzione a non lasciare che l’astinenza prenda il sopravvento. Anche se il desiderio non è al massimo livello, è importante mantenere queste unioni coniugali. Venti o trent’anni fa, Brigitte e Pierre probabilmente non si sarebbero posti questa domanda, ma i tempi stanno cambiando, e oggi, attraverso i media, l’immagine di una coppia felice è quella di una coppia con una “sessualità appagata”. Ed è vero che una vita relazionale e sessuale soddisfacente genera benessere, serenità e benevolenza che fanno della vita coniugale un rifugio dove è bello vivere. E non dimentichiamo che la sessualità ha una dimensione unitiva, come ci ricordava il grande San Giovanni Paolo II.




Leggi anche:
Giovanni Paolo II e la sua eredità: la Chiesa apprezza la sessualità

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Raffaele De Fulvio
Informazioni su Raffaele De Fulvio 7637 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.