Com’è il vostro rapporto con lo Spirito Santo?

La festa della Pentecoste ci offre un’opportunità unica per riflettere sul nostro rapporto con lo Spirito Santo. Delle tre persone della Santissima Trinità, lo Spirito Santo è spesso la meno compresa.

In un’omelia intitolata Il grande sconosciuto, San Josemaría Escrivá si sofferma su questo mistero e sfida i cristiani a esaminare il loro rapporto con lo Spirito Santo:

“Possiamo quindi considerare come rivolta a noi la domanda dell’Apostolo: Non sapete che siete tempio di Dio e che lo Spirito di Dio abita in voi?” Possiamo intenderlo come un invito a rapportarci a Dio in modo più personale e diretto.

“Purtroppo il Paraclito, per taluni cristiani, è il Grande Sconosciuto: è un nome che si pronuncia, ma non è un Qualcuno — una delle tre Persone dell’unico Dio — con cui parlare e di cui vivere”, continua Escrivá.

La Trinità è ovviamente uno dei più grandi misteri del cristianesimo. Come spiega il Catechismo della Chiesa Cattolica, “Non confessiamo tre dèi, ma un Dio solo in tre Persone: « la Trinità consostanziale »” (CCC, n. 253).

“Le Persone divine sono realmente distinte tra loro. « Dio è unico ma non solitario ». « Padre », « Figlio » e « Spirito Santo » non sono semplicemente nomi che indicano modalità dell’Essere divino; essi infatti sono realmente distinti tra loro” (CCC, n. 254).

Questo profondo mistero significa che possiamo sviluppare il nostro rapporto con la persona dello Spirito Santo e invocare il suo aiuto particolare nella nostra vita quotidiana. Non è un “estraneo” o una sorta di forza impenetrabile, ma una persona che possiamo amare.

Non è un concetto facile per la nostra mente umana, ma è una verità della nostra fede, qualcosa che dovremmo ponderare nel momento in cui celebriamo la festa di Pentecoste.

Chiedetevi: “Come vedo lo Spirito Santo? Quale ruolo ha nella mia vita? Amo lo Spirito Santo?”

Vai alla fonte

Testi Sacri Holyart.it
Informazioni su Raffaele De Fulvio 4369 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.