Come fa la Chiesa a riconoscere un miracolo come quello appena approvato a Knock?

La Chiesa locale presso il santuario delle apparizioni mariane a Knock, in Irlanda, ha riconosciuto il primo miracolo ufficiale associato al santuario.

Una donna di nome Marion Carroll soffriva di sclerosi multipla fino a quando ha visitato il santuario nel 1989. È stata guarita mentre veniva benedetta con l’Eucaristia durante la benedizione.

“Riconosco che Marion è stata guarita dalla sua lunga malattia mentre si trovava in pellegrinaggio in questo luogo sacro”, ha affermato il vescovo Francis Duffy di Ardagh e Clonmacnois in un’omelia durante una Messa celebrata nel santuario all’inizio di questo mese.

“Marion è stata liberata dalla malattia e dal suo impatto su di lei e sulla sua famiglia. È una guarigione per la quale attualmente non esiste spiegazione medica, è definitiva e sfida qualsiasi spiegazione sanitaria”.

Se molte persone dichiarano di aver ricevuto o di essere state testimoni di miracoli di molti tipi – apparizioni, visioni, guarigioni… – e molte hanno detto di essere state guarite durante o dopo una visita al santuario di Nostra Signora di Knock, questo è il primo miracolo associato al santuario ad essere riconosciuto a livello ufficiale.

Ciò deriva dal fatto che perché la Chiesa riconosca un miracolo deve aver luogo un processo molto approfondito.

Uno dei tipi più comuni di miracoli è la guarigione improvvisa di qualcuno. Secondo Michael O’Neill, “perché la guarigione venga considerata miracolosa la malattia dev’essere seria e impossibile (o almeno molto difficile) da curare con mezzi umani, e non a uno stadio in cui è probabile che scompaia a breve da sé. Non dev’essere stato somministrato alcun trattamento medico, o si deve essere certi che il trattamento fornito non abbia riferimento con la guarigione. La cura dev’essere spontanea, completa e permanente”.

Testi Sacri Holyart.it



Vai alla fonte

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Informazioni su Raffaele De Fulvio 5474 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.