Blog

Vangelo del giorno : 2018-03-10 – Commento di sabato

“Si batteva il petto e diceva: O Dio, abbi pietà di me peccatore”… ||| Ancora oggi ascoltiamo il profeta Osea. E lui, nella prima lettura, sembra definire una liturgia penitenziale comunitaria. Il popolo riconosce di essere punito dal Signore. “Egli ci ha percosso ed egli ci fascerà”. Ma la mancanza di perseveranza provocherà altre disgrazie. “Il vostro amore è come una nube del mattino, come la rugiada che all’alba svanisce. Per questo li ho colpiti per mezzo dei profeti”. Il profeta procede ad una rilettura della storia sacra, durante la quale numerosi profeti si sono sforzati di richiamare alla fedeltà, all’Alleanza. Si sono preferiti i sacrifici e gli olocausti, mentre Dio voleva misericordia e conoscenza di Dio. Questa annotazione indica il graduale superamento delle antiche pratiche cultuali, a vantaggio di un culto consistente in valori spirituali, personali, morali. Nel vangelo si proclama il valore del segno del pubblicano. Da una parte, un fariseo evidenzia la sua condotta positiva, che vorrebbe metterlo da giudice in contatto con Dio e con gli altri. Dall’altra parte, l’amore umile e penitente del pubblicano raggiunge Dio, perché mette quell’uomo nella verità; egli riconosce di aver bisogno di Dio ed è fiducioso nella tenerezza divina; il suo sguardo è orientato verso il Dio eterno, anche se fisicamente “non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo”. Con questa celebrazione liturgica si conclude la terza settimana di Quaresima, con un insegnamento sulla conversione e sulla penitenza; per giungere santamente a Pasqua occorre un cuore rinnovato. Rinnovato dalla grazia, rinnovato, in risposta alla grazia dall’impegno del digiuno, preghiera e delle opere di carità fraterna. […]

Blog

Vangelo del giorno : 2018-03-10 – Vangelo di sabato

Os 6, 1-6; Sal.50; Lc 18, 9-14. ||| In quel tempo, Gesù disse ancora questa parabola per alcuni che avevano l’intima presunzione di essere giusti e disprezzavano gli altri: «Due uomini salirono al tempio a pregare: uno era fariseo e l’altro pubblicano. Il fariseo, stando in piedi, pregava così tra sé: “O Dio, ti ringrazio perché non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri, e neppure come questo pubblicano. Digiuno due volte alla settimana e pago le decime di tutto quello che possiedo”. Il pubblicano invece, fermatosi a distanza, non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto dicendo: “O Dio, abbi pietà di me peccatore”. Io vi dico: questi, a differenza dell’altro, tornò a casa sua giustificato, perché chiunque si esalta sarà umiliato, chi invece si umilia sarà esaltato». […]

Blog

Vangelo del giorno : 2018-03-09 – Commento di venerdi’

Solo tu hai parole di vita, di vita eterna. ||| In questi giorni la Liturgia ci fa incontrare i grandi profeti dell’Antico testamento. Osèa oggi invita a tornare al Signore: l’invito è caratteristico della spiritualità della Quaresima che celebriamo; si tratta della conversione. “Preparate le parole da dire e tornate al Signore; dìtegli: Togli ogni iniquità; accetta ciò che è bene e ti offriremo il frutto delle nostre labbra”. La fiducia del credente è situata in Dio, e non nelle realtà terrene. Tutto sarà rinnovato, in un’atmosfera paradisìaca: “Sarò come rugiada per Israele; esso fiorirà come un giglio e metterà radici come un albero del Libano, si spanderanno i suoi germogli e avrà la bellezza dell’ulivo e la fragranza del Libano”. L’avvicinarsi della Pasqua stimola il ricordo del paradiso perduto e la volontà di scegliere nuovamente, in conseguenza di causa, l’unico vero Dio, perché solo il Signore ha parole di vita eterna. Anche Matteo ricorda il celebre monito: “Ascolta, Israele, il Signore Dio nostro è l’unico Signore”. Da questo atto di fede si incontrano i precetti dell’amore di Dio e del prossimo, come giustamente ripetuto dallo scriba che desiderava capire l’essenziale della Legge mosaica. Chi vive questo dinamismo, trova Dio. “Non sei lontano dal regno di Dio, gli dice”. Fare la volontà di Dio equivale a costruire in quel modo solido l’orizzonte dell’esistenza, con tutto il cuore, tutta la mente, tutta le forze. Ecco per noi il tempo propizio per riscoprire le vere parole della vita eterna. […]

Blog

Vangelo del giorno : 2018-03-09 – Vangelo di venerdi’

Os 14, 2-10; Sal.80; Mc 12, 28-34. ||| In quel tempo, si avvicinò a Gesù uno degli scribi e gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?». Gesù rispose: «Il primo è: “Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l’unico Signore; amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza”. Il secondo è questo: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Non c’è altro comandamento più grande di questi». Lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità, che Egli è unico e non vi è altri all’infuori di lui; amarlo con tutto il cuore, con tutta l’intelligenza e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso vale più di tutti gli olocàusti e i sacrifici». Vedendo che egli aveva risposto saggiamente, Gesù gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio». E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo. […]

Blog

Vangelo del giorno : 2018-03-08 – Commento di giovedi’

Allora io sarò il vostro Dio e voi sarete il mio popolo. ||| Ascoltate la mia voce. Allora io sarò il vostro Dio e voi sarete il mio popolo. Con questa invocazione Geremia invita all’ascolto; la sordità di Israele alla voce di Dio, già udita sul monte Sinai, è un rimprovero ripetuto: “La fedeltà è sparita, è stata bandita dalla loro bocca”. L’ingratitudine è palese; neppure i profeti sono stati ascoltati. Lo stesso profeta rimane tuttavia fedele alla sua missione, pur essendo deluso da tale rifiuto e dalla mancanza di coerenza nell’impegno. Ecco allora il salmo che ci sprona: “Ascoltate oggi la voce del Signore, non indurite il vostro cuore”. La Quaresima ci provoca a ricordare i benefici ricevuti da Dio e a comportarci di conseguenza. Il testo del Vangelo di Luca invece è centrato sulla vigilanza necessaria per resistere al male. Due atteggiamenti incompatibili si oppongono: o con il demonio, o con Cristo. Se Gesù compie miracoli e, in concreto, se libera gli indemoniati, non può essere accusato di complicità con il diavolo. Dio agisce in Gesù: “se invece io scaccio i demòni con il dito di Dio, è dunque giunto a voi il regno di Dio”. Il “dito di Dio” significa lo Spirito santo. Si inizia una epoca nuova, segnata dalla libertà, e impegnata nell’annunzio della salvezza. “Chi non è con me, è contro di me, e chi non raccoglie con me, disperde”. Con Dio non è possibile una fedeltà intermittente o parziale; l’assoluto è un valore decisivo che si ricerca in modo continuativo. Questo tempo particolare nella Chiesa ci provoca a scegliere decisamente la parte di Dio, per ispirazione dello Spirito santo e a rispondere ogni giorno alla sua chiamata. […]

Blog

Vangelo del giorno : 2018-03-08 – Vangelo di giovedi’

Ger 7, 23-28; Sal.94; Lc 11, 14-23. ||| In quel tempo, Gesù stava scacciando un demonio che era muto. Uscito il demonio, il muto cominciò a parlare e le folle furono prese da stupore. Ma alcuni dissero: «È per mezzo di Beelzebùl, capo dei demòni, che egli scaccia i demòni». Altri poi, per metterlo alla prova, gli domandavano un segno dal cielo. Egli, conoscendo le loro intenzioni, disse: «Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull’altra. Ora, se anche satana è diviso in se stesso, come potrà stare in piedi il suo regno? Voi dite che io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl. Ma se io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl, i vostri figli per mezzo di chi li scacciano? Per questo saranno loro i vostri giudici. Se invece io scaccio i demòni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio. Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, ciò che possiede è al sicuro. Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via le armi nelle quali confidava e ne spartisce il bottino. Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me, disperde». […]