Blog

Vangelo del giorno : 2018-03-13 – Commento di martedi’

«Vuoi guarire?» ||| Se non abbiamo mai sperimentato la sofferenza di una lunga e penosa malattia, a stento riusciremo a capire cosa può aver significato l’invito di Gesù per quell’uomo, che da ben trentotto anni attendeva invano la guarigione. Se non abbiamo mai sperimentato la disgrazia del peccato e la gioia indicibile del perdono, non saremo capaci di comprendere il valore della divina misericordia. «Vuoi guarire?» è l’invito che oggi il Signore rivolge ad ognuno di noi. C’è una condizione inderogabile per poter godere dei doni divini: dobbiamo riconoscere di non avere altra àncora di salvezza se non in Lui, in Cristo, nel nostro divino Salvatore. «Signore, io non ho nessuno che mi immerga nella piscina quando l’acqua si agita. Mentre infatti sto per andarvi, qualche altro scende prima di me». Nessuno all’infuori di Cristo può immergerci nel cuore stesso di Dio per essere lavati nell’acqua della sua infinita misericordia; nessuno all’infuori di Lui ha la forza di dirci “Alzati e cammina”. Eravamo erranti, ciechi, senza meta o immobili ai margini di una piscina nella paralisi dello spirito: Cristo è intervenuto a ridarci la vista, ad indicarci la via, a ridare vigore al nostro spirito, ci ha resi capaci di andare, di muoverci sulle vie del bene. Ancora una storia di salvezza, ancora un prodigio che riguarda la nostra umanità e ciascuno di noi. Dall’altra parte ancora una storia di miopia spirituale e di maligna grettezza: ciò avviene di “Sabato” e non sarebbe lecito secondo i soliti scribi e farisei. Che miseria non accorgersi della bontà di Dio, quanta meschinità mascherata dal falso zelo! Noi siamo i cantori della bontà e della misericordia del Signore e il nostro canto diventa sempre più intenso e devoto ogni volta che ci accorgiamo che egli ci ama, ci salva, ci guarisce. Dobbiamo solo non far cadere invano l’invito accorato che Gesù in questi giorni sta rivolgendo a tutti noi. Egli ci ripete in vista della mia passione e morte per godere con me la gioia della risurrezione: «Vuoi guarire?». Sei pronto a maturare in te una vera conversione, a non peccare più con il sostegno della mia grazia? […]

Blog

Vangelo del giorno : 2018-03-13 – Vangelo di martedi’

Ez 47, 1-9. 12; Sal.45; Gv 5, 1-3. 5-16. ||| Ricorreva una festa dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. A Gerusalemme, presso la porta delle Pecore, vi è una piscina, chiamata in ebraico Betzatà, con cinque portici, sotto i quali giaceva un grande numero di infermi, ciechi, zoppi e paralitici. Si trovava lì un uomo che da trentotto anni era malato. Gesù, vedendolo giacere e sapendo che da molto tempo era così, gli disse: «Vuoi guarire?». Gli rispose il malato: «Signore, non ho nessuno che mi immerga nella piscina quando l’acqua si agita. Mentre infatti sto per andarvi, un altro scende prima di me». Gesù gli disse: «Àlzati, prendi la tua barella e cammina». E all’istante quell’uomo guarì: prese la sua barella e cominciò a camminare. Quel giorno però era un sabato. Dissero dunque i Giudei all’uomo che era stato guarito: «È sabato e non ti è lecito portare la tua barella». Ma egli rispose loro: «Colui che mi ha guarito mi ha detto: “Prendi la tua barella e cammina”». Gli domandarono allora: «Chi è l’uomo che ti ha detto: “Prendi e cammina”?». Ma colui che era stato guarito non sapeva chi fosse; Gesù infatti si era allontanato perché vi era folla in quel luogo. Poco dopo Gesù lo trovò nel tempio e gli disse: «Ecco: sei guarito! Non peccare più, perché non ti accada qualcosa di peggio». Quell’uomo se ne andò e riferì ai Giudei che era stato Gesù a guarirlo. Per questo i Giudei perseguitavano Gesù, perché faceva tali cose di sabato. […]

Blog

Vangelo del giorno : 2018-03-12 – Commento di lunedi’

«Tuo figlio vive!». ||| Gesù torna tra la sua gente. Egli, come sempre, nulla lascia di intentato affinché, anche dopo uno sdegnoso rifiuto, sia poi accolto ed ascoltato. E finalmente sgorga la gioia nei suoi compaesani. Egli un giorno pregherà dicendo: “Perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena”. L’incontro personale con Cristo, le sue parole, i suoi prodigi, le verità che egli infonde in noi, la sua stessa persona, è sempre per noi fonte di vera gioia. Egli è colui che ci salva, ci libera da nostri mali, ci guarisce nel corpo e nello spirito, è la fonte della vera gioia cristiana. Ci stiamo preparando ad una vera e propria esplosione di gioia; avverrà sul monte, dopo una tragica passione, dopo i tormenti della morte: un sepolcro vuoto e il Vivente che annunzia a tutti la sua pace. “Pace e gioia” è il saluto dei credenti, è un annuncio pasquale, è un atto di fede nel Risorto. Le parole di Gesù: «Tuo figlio vive!», noi le accogliamo in questo giorno, come se fossero rivolte, non tanto al funzionario del Re, ma alla nostra madre Chiesa. A lei Cristo sta dando l’annuncio della nostra guarigione, noi ci sentiamo guariti, noi ci vediamo confermati nella fede, rafforzati nella fiducia e nella speranza. Così impariamo ad entrare nelle parole di Dio, a sentirci coinvolti e protagonisti: siamo noi i destinatari e i beneficiari dei suoi prodigi, noi ci sentiamo guariti, vivi e pervasi di gioia. C’è tanta tristezza nel nostro mondo, è una gramigna disseminata da satana e per questo il buon seme rischia di restarne soffocato, la fede illanguidita e lo sguardo incollato ad un sepolcro. La fede nella risurrezione viene relegata nell’inconscio ed emergono forti i pensieri di morte che diventano generatori di paure. Gesù per questo ci ripete i motivi della gioia e la certezza della vita: “Va, tuo figlio vive!…”. […]

Blog

Vangelo del giorno : 2018-03-12 – Vangelo di lunedi’

Is 65, 17-21; Sal.29; Gv 4, 43-54. ||| In quel tempo, Gesù partì [dalla Samarìa] per la Galilea. Gesù stesso infatti aveva dichiarato che un profeta non riceve onore nella propria patria. Quando dunque giunse in Galilea, i Galilei lo accolsero, perché avevano visto tutto quello che aveva fatto a Gerusalemme, durante la festa; anch’essi infatti erano andati alla festa. Andò dunque di nuovo a Cana di Galilea, dove aveva cambiato l’acqua in vino. Vi era un funzionario del re, che aveva un figlio malato a Cafàrnao. Costui, udito che Gesù era venuto dalla Giudea in Galilea, si recò da lui e gli chiedeva di scendere a guarire suo figlio, perché stava per morire. Gesù gli disse: «Se non vedete segni e prodigi, voi non credete». Il funzionario del re gli disse: «Signore, scendi prima che il mio bambino muoia». Gesù gli rispose: «Va’, tuo figlio vive». Quell’uomo credette alla parola che Gesù gli aveva detto e si mise in cammino. Proprio mentre scendeva, gli vennero incontro i suoi servi a dirgli: «Tuo figlio vive!». Volle sapere da loro a che ora avesse cominciato a star meglio. Gli dissero: «Ieri, un’ora dopo mezzogiorno, la febbre lo ha lasciato». Il padre riconobbe che proprio a quell’ora Gesù gli aveva detto: «Tuo figlio vive», e credette lui con tutta la sua famiglia. Questo fu il secondo segno, che Gesù fece quando tornò dalla Giudea in Galilea. […]

Blog

Vangelo del giorno : 2018-03-11 – Commento di domenica

Bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo. ||| La quarta domenica di Quaresima si intitola domenica “in Laetare”, dall’antifona con cui inizia la celebrazione eucaristica: “Rallègrati (laetàre), Gerusalemme, sii nella gioia per la consolazione che ti viene dal Signore”. Certamente il motivo dell’essere gioiosi non è dato perché siamo giunti alla metà del percorso quaresimale, ma dalla grande rivelazione dell’amore di Dio per l’umanità, che ci viene proposto in modo solenne nel dialogo di Gesù con Nicodèmo, un capo ragguardevole dei Giudei. Questi per non compromettersi dinanzi ai suoi colleghi, era venuto di notte per avere un incontro con Gesù. “Rabbì, – disse – sappiamo che sei un maestro venuto da Dio; nessuno infatti può fare i segni che tu fai”. Gesù gli rivela la propria identità e la sorte che lo attende, ma Nicodemo non potrà vedere il regno di Dio, se non rinascerà dall’alto, dallo Spirito. “Come può accadere questo?”, gli disse. L’uomo può nascere dall’alto perché Dio ha mandato il Figlio affinché l’uomo, per mezzo di lui, possa accogliere il dono della rinascita dall’alto e agire di conseguenza. L’immagine-profezia, a cui il testo si richiama è quella dell’esodo, quando gli Ebrei dopo una ennesima mormorazione, Dio li mise alla prova con una invasione di serpenti. Al loro grido di supplica, Dio ordinò a Mosè di collocare su un’asta un serpente di bronzo e chi l’avesse guardato era salvo. Ebbene, Gesù salva il mondo inchiodato e innalzato in croce sul monte Calvàrio. E da lì fino alla fine del mondo egli resterà a braccia aperte, “perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna”. Cristo innalzato sulla croce come un condannato, agli occhi dell’evangelista Giovanni è la glorificazione, “quando sarò innalzato attirerò tutti a me”. La salvezza piena di amore che Dio intende porgere all’umanità, si identifica con la persona del Figlio che dona all’uomo la vita del mondo divino (dall’alto). Credere significa accogliere già questa vita che associa l’uomo alla stessa vita di Dio. Non credere equivale a rifiutare il dono della vita divina. La fede, elemento discriminante tra la vita e la morte, ha una caratteristica: è una scelta interiore. Credere nel Figlio significa affidarsi a lui, mettere la propria vita nelle sue mani e ricevere, in cambio, la vita eterna. “Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo si salvi per mezzo di lui”. […]

Blog

Vangelo del giorno : 2018-03-11 – Commento di domenica

Bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo. ||| La quarta domenica di Quaresima si intitola domenica “in Laetare”, dall’antifona con cui inizia la celebrazione eucaristica: “Rallègrati (laetàre), Gerusalemme, sii nella gioia per la consolazione che ti viene dal Signore”. Certamente il motivo dell’essere gioiosi non è dato perché siamo giunti alla metà del percorso quaresimale, ma dalla grande rivelazione dell’amore di Dio per l’umanità, che ci viene proposto in modo solenne nel dialogo di Gesù con Nicodèmo, un capo ragguardevole dei Giudei. Questi per non compromettersi dinanzi ai suoi colleghi, era venuto di notte per avere un incontro con Gesù. “Rabbì, – disse – sappiamo che sei un maestro venuto da Dio; nessuno infatti può fare i segni che tu fai”. Gesù gli rivela la propria identità e la sorte che lo attende, ma Nicodemo non potrà vedere il regno di Dio, se non rinascerà dall’alto, dallo Spirito. “Come può accadere questo?”, gli disse. L’uomo può nascere dall’alto perché Dio ha mandato il Figlio affinché l’uomo, per mezzo di lui, possa accogliere il dono della rinascita dall’alto e agire di conseguenza. L’immagine-profezia, a cui il testo si richiama è quella dell’esodo, quando gli Ebrei dopo una ennesima mormorazione, Dio li mise alla prova con una invasione di serpenti. Al loro grido di supplica, Dio ordinò a Mosè di collocare su un’asta un serpente di bronzo e chi l’avesse guardato era salvo. Ebbene, Gesù salva il mondo inchiodato e innalzato in croce sul monte Calvàrio. E da lì fino alla fine del mondo egli resterà a braccia aperte, “perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna”. Cristo innalzato sulla croce come un condannato, agli occhi dell’evangelista Giovanni è la glorificazione, “quando sarò innalzato attirerò tutti a me”. La salvezza piena di amore che Dio intende porgere all’umanità, si identifica con la persona del Figlio che dona all’uomo la vita del mondo divino (dall’alto). Credere significa accogliere già questa vita che associa l’uomo alla stessa vita di Dio. Non credere equivale a rifiutare il dono della vita divina. La fede, elemento discriminante tra la vita e la morte, ha una caratteristica: è una scelta interiore. Credere nel Figlio significa affidarsi a lui, mettere la propria vita nelle sue mani e ricevere, in cambio, la vita eterna. “Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo si salvi per mezzo di lui”. […]

Blog

Vangelo del giorno : 2018-03-11 – Vangelo di domenica

2 Cr 36, 14-16. 19-23; Sal.136; Ef 2, 4-10; Gv 3, 14-21. ||| In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: «Come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna. Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio. E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno amato più le tenebre che la luce, perché le loro opere erano malvagie. Chiunque infatti fa il male, odia la luce, e non viene alla luce perché le sue opere non vengano riprovate. Invece chi fa la verità viene verso la luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio». […]

Blog

Vangelo del giorno : 2018-03-11 – Vangelo di domenica

2 Cr 36, 14-16. 19-23; Sal.136; Ef 2, 4-10; Gv 3, 14-21. ||| In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: «Come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna. Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio. E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno amato più le tenebre che la luce, perché le loro opere erano malvagie. Chiunque infatti fa il male, odia la luce, e non viene alla luce perché le sue opere non vengano riprovate. Invece chi fa la verità viene verso la luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio». […]