A bordo del Saint Lukas, il treno-ospedale che percorre la Siberia

 

Il treno Saint Lukas non è un convoglio come gli altri. Finanziato dal governo russo, la sua missione non è quella di trasportare viaggiatori ma di percorrere la Siberia e l’Estremo Oriente russo per offrire cure alle persone che vivono in villaggi sperduti. Infatti in questi luoghi quasi tagliati fuori dal resto del mondo per via della remota ubicazione geografica e dell’esodo rurale, spesso mancano medici e infrastrutture sanitarie. Per i paesani, più o meno giovani – si noti che viene a farsi controllare soprattutto la popolazione con un’età –, l’arrivo del treno medico, una volta l’anno, è un appuntamento da non perdere.

Dentro al convoglio, grazie al materiale di cui dispongono, medici e infermieri effettuano ecografie, scanner, esami del sangue, diagnosi… Visite e cure sono gratuite. Complessivamente, contando tutte le professionalità coinvolte, a bordo ci sono circa 75 persone, per più di venti specializzazioni mediche. L’equipaggio si ferma più o meno a lungo nei villaggi, a seconda del grado di necessità. I medici vedono in media 150 pazienti al giorno.

Un vagone-chiesa

© Capture d’écran Arte

 

Un pope con dei paesani nella cappella a bordo del treno.

Il treno porta il nome di San Lukas. Beatificato nel 2000 nella Chiesa Ortodossa, egli era al contempo prete e chirurgo ed è sopravvissuto alla rivoluzione bolscevica e ai gulag di Stalin. Molto devoto alla Vergine Maria, non mancava di pregarla prima di operare qualcuno. Anzi, uno dei vagoni è stato trasformato in chiesa. Vi si celebra il culto cristiano secondo la liturgia ortodossa russa, e per questo vi si trovano un altare, un’iconostasi e icone a profusione… I pazienti possono venire a raccogliervisi tra un esame e l’altro, al lume dei ceri. Più che un semplice treno, il Saint Lukas è un vero luogo di vita.

© Capture d’écran Arte

 

La cappella a bordo del treno.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Vai alla fonte

Testi Sacri Holyart.it

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Informazioni su Raffaele De Fulvio 5649 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.