9 santi che erano anche atleti

Per secoli, gli atleti cattolici hanno considerato San Sebastiano il loro patrono. Soldato romano colpito da numerose frecce, recuperò la salute e tornò a predicare il Vangelo, per essere poi martirizzato.

Nonostante la sua perseveranza per il fatto di essere stato “martirizzato due volte” lo renda un patrono adatto per chi si alza presto per fare esercizio o prepararsi alla maratona, non ci sono prove del fatto che San Sebastiano abbia preso parte a uno sport organizzato.

Fortunatamente per gli atleti cattolici, molti santi lo hanno invece fatto.

La beata Chiara Badano (1971-1990) sciava, nuotava e soprattutto giocava a tennis. Amava cantare e ballare ed era nota per il suo splendido sorriso, che non è venuto meno neanche quando le è stato diagnosticato un tumore alle ossa che l’ha confinata in un reparto oncologico per il resto della sua breve vita. Nella sua malattia, pregava dicendo “Se lo vuoi tu, Gesù, lo voglio anch’io”.

Il beato Benedict Daswa (1946-1990) è stato un sudafricano convertito al cristianesimo, insegnante, marito, padre di otto figli e calciatore. Era un deciso sostenitore dell’atletica come mezzo per tenere i giovani sulla retta via, e allenava altri professori perché insegnassero a loro volta calcio, pallavolo e hockey. Quando la squadra di calcio che aveva fondato iniziò a cercare di usare la stregoneria per vincere le partite si oppose. Alla fine lasciò la squadra e ne fondò un’altra, della quale era anche il manager. La sua posizione contro la magia nera portò poi al suo martirio ad opera di amici e vicini.

La venerabile Teresita Quevedo (1930-1950) era il capitano della squadra di basket del suo liceo e un’ottima tennista. Nonostante il suo talento sul campo da tennis, non riuscì mai a vincere un campionato. All’ultimo anno era la favorita per la vittoria, ma preoccupata che questa potesse gonfiare il suo orgoglio chiese alla Madonna non una vittoria, ma quello che fosse più gradito a Gesù. Quando perse, riuscì ad accettare il risultato con una gioia tale che la madre, vedendo la sua espression, pensò che la figlia avesse vinto.

Papa San Giovanni Paolo II (1920-2005) parlava spesso del potere dello sport per aiutare a sviluppare le giovani anime, e una volta ha detto che lo sport contribuisce “a far amare la vita” ed educa “al sacrificio, al rispetto ed alla responsabilità, portando alla piena valorizzazione di ogni persona umana”. Esperto sciatore, escursionista, amava scalare e pescare, e nella sua residenza estiva aveva fatto installare una piscina per poter fare esercizio. Quando alcuni cardinali misero in discussione questa decisione per via della spesa che comportava, disse che era più economica di un altro conclave.

Testi Sacri Holyart.it

Vai alla fonte

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Informazioni su Raffaele De Fulvio 6485 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.