8 modi concreti in cui le parrocchie possono sostenere i cristiani perseguitati

Un rapporto del 2019 del Governo britannico sostiene che l’80% delle persone perseguitate per la propria religione nel mondo è composto da cristiani. In Medio Oriente e in Nord Africa, solo un secolo fa il 20% della popolazione era cristiano, mentre oggi lo è meno del 4%.

Mentre apriamo un nuovo anno e un nuovo decennio, faremmo bene a tenere a mente le sofferenze delle comunità cristiane nel modo. Ma cosa possiamo fare? Ecco qualche idea per le nostre comunità locali.

1 Pregare per la pace

La cosa migliore e la più importante espressione di solidarietà nei confronti dei cristiani perseguitati nel mondo è la preghiera. Come Papa Francesco ha affermato nella sua intenzione di preghiera per questo mese di gennaio, “in un mondo diviso e frammentato, voglio invitare alla riconciliazione e alla fratellanza tra tutti i credenti e anche tra tutte le persone di buona volontà. La nostra fede ci porta a diffondere i valori della pace, della convivenza, del bene comune. Preghiamo affinchè i cristiani, coloro che seguono le altre religioni e le persone di buona volontà promuovano insieme la pace e la giustizia nel mondo”.

Per promuovere la preghiera per la pace, le parrocchie possono realizzare delle immaginette o includere le preghiere nei bollettini. Ecco un modello realizzato dalla Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti.

2 Seguire le notizie internazionali relative ai cristiani

I siti cattolici di notizie come Aleteia.org lavorano sodo per riferire regolarmente la sofferenza delle comunità cristiane del mondo. Leggendo semplicemente le notizie ed essendo più informati sugli eventi mondiali, potrete diventare una fonte di informazione per familiari e amici. Condividere sui social media dei post sulla persecuzione dei cristiani è un ottimo modo per aumentare la consapevolezza nella vostra rete di conoscenze sulle problematiche che le nostre sorelle e i nostri fratelli in Cristo affrontano in tutto il mondo.

3 Donare del denaro

So che nessun pastore nel pieno delle sue facoltà mentali aspira ad avere più progetti che comportano una richiesta di denaro, ma le necessità delle comunità cristiane nel mondo sono notevoli. Potete promuovere molte iniziative per sostenere organizzazioni caritative che fanno cose straordinarie per aiutare i cristiani bisognosi.

I Cavalieri di Colombo hanno costruito un’incredibile rete attraverso il loro Christians at Risk per offrire cibo e assistenza medica. La Catholic Near East Welfare Association (CNEWA) promuove molti progetti per aiutare la Chiesa e offrire aiuti umanitari. Aiuto alla Chiesa che Soffre aiuta i cristiani in alcune delle zone più a rischio, e spesso il suo staff fornisce dei resoconti ad Aleteia. La St. Rafka Mission of Hope and Mercy annuncia i valori evangelici della compassione e della carità. Tutte queste organizzazioni caritative hanno bisogno di grande aiuto mentre i cristiani iniziano a ricostruirsi una vita in Paesi come l’Iraq dopo l’ISIS.

4 Promuovere le culture cristiane

Organizzatevi con le comunità cattoliche locali per ospitare eventi culturali. Molte comunità maronite, melchite e caldee promuovono splendide celebrazioni in onore dei loro santi patroni. Offritevi di contribuire alle feste ospitate da queste comunità o organizzate eventi simili nella vostra. La promozione delle tradizioni culturali (musica, cibo, danze, preghiera, santi patroni) è un modo fondamentale per preservare e condividere l’eredità delle comunità dei cristiani perseguitati.



Leggi anche:
Perché “libertà di fede” e “libertà religiosa” non sono davvero sinonimi

Testi Sacri Holyart.it

Vai alla fonte

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Informazioni su Raffaele De Fulvio 6487 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.