5 idee di Benedetto XVI che Francesco applica venendo tacciato di “comunismo”

A dieci anni dalla sua pubblicazione, l’enciclica “Caritas in veritate” di Benedetto XVI è più attuale che mai, ed è fondamentale per il pensiero sociale di Papa Francesco, che cita il suo predecessore in ogni occasione e tuttavia viene criticato da acerrimi nemici e definito “Papa comunista”.

Benedetto XVI ha esortato allo sviluppo umano integrale nella carità e nella verità, anche denunciando l’immoralità della speculazione finanziaria dopo la crisi del 2008, e ha invitato a una globalizzazione aperta alla trascendenza, al rispetto dei migranti e all’uso delle energie rinnovabili, fondamentali anche nel discorso di Papa Francesco.

Ad esempio, ascoltiamo l’angosciata denuncia di un’“economia che uccide” e che contraddice il vero sviluppo, come Benedetto XVI ha esortato a far sì che la carità sia “la via maestra della dottrina sociale della Chiesa”. Sorprenderà, ma è stato il Papa a proporre una riforma agraria, indicando anche che la sussidiarietà “è l’antidoto più efficace contro ogni forma di assistenzialismo paternalista” e può umanizzare la globalizzazione.

Il Pontefice tedesco esplorava l’azione morale che segue i criteri del bene comune e della giustizia, dicendo che “ogni cristiano è chiamato a questa carità, nel modo della sua vocazione e secondo le sue possibilità d’incidenza nella pólis”.

Dal canto suo, Francesco riceve critiche perché con i suoi messaggi tocca i nervi scoperti della cattiva politica o dell’attività amorale dei Governi europei che vendono armi, perché un pastore, secondo i suoi oppositori, dovrebbe vivere marginalmente alla polis citata da Benedetto XVI e predicare le realtà celesti, senza incidenza concreta.

La “Populorum progressio” di Paolo VI influenzava Ratzinger come influenza Bergoglio, e viene ribadita nella “Caritas in veritate”, che torna sulla “imprescindibile importanza del Vangelo per la costruzione della società secondo libertà e giustizia”.

Per questo, quando Benedetto XVI esortava gli Stati ricchi a “destinare maggiori quote del loro prodotto interno lordo per gli aiuti allo sviluppo” e ad abbandonare il relativismo che condanna il povero ad essere più povero, non si trattava di socialismo, ma di Dottrina Sociale della Chiesa.

È la stessa fonte a cui attinge anche Papa Francesco, e fa sì che le sue parole siano in sintonia con il suo predecessore quando denuncia ad esempio lo sviluppo umano disuguale e che promuove anche il fenomeno perverso del turismo sessuale. “È doloroso constatare – diceva Benedetto XVI – che ciò si svolge spesso con l’avallo dei governi locali”.

ENERGY

Shutterstock | Goodmorning3am

Energie rinnovabili e sviluppo pensato in funzione della persona

“La fede cristiana si occupa dello sviluppo non contando su privilegi o su posizioni di potere (…), ma solo su Cristo”, spiegava il Papa emerito, osservando che “ le cause del sottosviluppo non sono primariamente di ordine materiale”, ma vanno ritrovate nella “mancanza di fraternità tra gli uomini e tra i popoli”. Francesco, dal canto suo, prosegue denunciando la “globalizzazione dell’indifferenza”.

Testi Sacri Holyart.it

Benedetto XVI rifletteva anche sulle problematiche energetiche: “L’accaparramento delle risorse energetiche non rinnovabili da parte di alcuni Stati, gruppi di potere e imprese costituisce, infatti, un grave impedimento per lo sviluppo dei Paesi poveri”; “le società tecnologicamente avanzate possono e devono diminuire il proprio fabbisogno energetico”, e “finanziare la ricerca di fonti nuove e alternative”.

Vai alla fonte

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Informazioni su Raffaele De Fulvio 6093 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.