2020-03-11 – Commento di Mercoledì

Fonte dell’articolo silvestrini.org

Testi Sacri Holyart.it

«Signore, se vuoi, puoi purificarmi». ||| Un lebbroso osa accostarsi a Gesù; i lebbrosi erano considerati impuri e contagiosi e per questo venivano e dovevano restare emarginati. Egli lo vede e gli si getta dinanzi e prega: «Signore, se vuoi, puoi purificarmi». È una preghiera semplice, essenziale che esprime fede, rispetto e fiducia. Gesù mette in atto quanto aveva più volte detto: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati; non sono venuto per chiamare i giusti, ma i peccatori». Infatti l’evangelista dice: Gesù ne ebbe compassione, tese la mano, lo toccò e gli disse: «Lo voglio, sii purificato!». E subito la lebbra scomparve da lui ed egli fu purificato. È significativo e merita attenzione in successione quello poi che accade, quello che Gesù fa e dice dopo l’implorazione del lebbroso: Si muove a compassione, condivide amorevolmente il male del lebbroso, tende la mano e lo tocca, non avrebbe dovuto farlo secondo le prescrizioni della legge, poi la potenza delle sue parole che sanano e purificano. Il divino Redentore vuole dirci che non si schifa del nostro male neanche quando incancrenisce e diventa purulento anzi si muove a compassione e se pentiti e supplici, è sempre pronto a farci sentire la sua vicinanza, il sollecito soccorso; Egli ci tende la mano e ci tocca, poi ci assolve dal nostro male: va, sei purificato dal tuo male. Ti manca soltanto la conferma della Chiesa: mostrarti al sacerdote che ti assolve e fa’ l’offerta per la tua purificazione; poi fa il tuo rendimento di grazie per il dono e la Grazia che hai ricevuto. Il peccato è stato lavato nel sangue di Cristo!

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Informazioni su Raffaele De Fulvio 10596 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.