2020-03-08 – Commento di Domenica

Fonte dell’articolo silvestrini.org

Testi Sacri Holyart.it

«Questi è il Figlio mio, l’amato. Ascoltatelo». ||| Gesù più volte aveva preannunciato ai suoi la sua prossima dipartita. «Il Figlio dell’uomo, disse, deve soffrire molto, essere riprovato dagli anziani, dai sommi sacerdoti e dagli scribi, essere messo a morte e risorgere il terzo giorno». Gli Apostoli non comprendono: la notizia è troppo lontana dai loro pensieri e dalle loro attese. Gesù viene incontro alla loro debolezza: «Prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello e li condusse in disparte, su un alto monte». In disparte, su un alto monte con tre testimoni, Mosè ed Elia, fu trasfigurato davanti a loro: il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce. I tre testimoni hanno il privilegio di contemplare una meravigliosa trasfigurazione e di poter udire una voce inconfondibile: quel Gesù che aveva sconvolto i suoi discepoli, parlando di morte, sul Tabor mostra un lembo della sua gloria e il Padre celeste proclama «Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento. Ascoltatelo!». Ora non possono più dubitare: Gesù condannato a morte è il Figlio di Dio, il Padre ha posto in Lui il suo compiacimento perché sta adempiendo l’opera che gli è stata affidata e come egli l’aveva descritta agli apostoli, quindi “ascoltatelo”. «Alzatevi e non temete» dice loro Gesù. E aggiunge: «Non parlate a nessuno di questa visione, prima che il Figlio dell’uomo non sia risorto dai morti». La trasfigurazione brillerà in pienezza e per tutti quando anche noi, risorti con lui, potremo gioire la nostra Pasqua.

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Informazioni su Raffaele De Fulvio 9995 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.