2020-02-18 – Commento di Martedì

Un solo pane! ||| Nel Vangelo di Marco anche le più piccole indicazioni hanno un significato che trascende quello letterario e ci inducono a importanti riflessioni: Quel solo pane nella barca ci induce a pensare alla Chiesa, la barca di Pietro e in quell’unico pane spezzato intravvediamo la santissima Eucaristia, unico, ma che è la suprema ricchezza. Con spavento e rammarico ci viene anche da pensare cosa potrebbe significare ai nostri giorni che i discepoli, noi, Chiesa, ci dimenticassimo di prendere e comprendere quel pane! Non solo perché pochi si accostano con cuore pulito alla sacra mensa, non solo perché sono sempre più frequenti casi di sacrilegi e di profanazione, ma ancor più perché la dimenticanza coinvolge e stravolge la dottrina stessa della fede nel sacramento e coinvolge la Chiesa anche nella sua gerarchia. Risuonano perciò opportune le ammonizioni di Gesù: «Fate attenzione, guardatevi dal lievito dei farisei e dal lievito di Erode!». «Avete occhi e non vedete», «Avete orecchi e non udite?». «Avete il cuore indurito?». Gesù ci dice di guardarci dalle false dottrine, dal lievito che non panifica e non è atto alla consacrazione. Ci invita ad aprire gli occhi alle indefettibili verità delle fede; per vedere, per udire, per illuminare della verità il cuore, per immergerci nel mistero con profonda docilità, con umiltà e fervore. Dopo le quotidiane prodigiose moltiplicazioni, gli incalcolabili benefici che da quell’ultima cena hanno santificato una schiera innumerevole di fedeli, dopo che noi, i viventi, abbiamo ricevuto grazie su grazie da quell’unico pane, Gesù deve ancora rimproverarci: «Non capite ancora?».

Vai alla fonte

Testi Sacri Holyart.it

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Informazioni su Raffaele De Fulvio 10630 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.