2020-02-06 – Commento di Giovedì

Inviati nel mondo. ||| L’annuncio che Gesù è venuto a portare nel mondo deve raggiungere gli estremi confini della terra. Ha chiamato per questo i primi disposti a seguirlo. Ha promesso che sarebbero diventati pescatori di uomini. Li ha messi alla sua scuola, li ha preparati ad un compito arduo. Con fiducia poi li invia. L’evangelista dice «Incominciò a mandarli a due a due», è l’inizio di un’opera missionaria ininterrotta fino ai nostri giorni e sicuramente destinata a protrarsi nei secoli futuri. Gesù sa in che mondo dovranno andare e quindi li dota dei mezzi necessari: «Diede loro potere sugli spiriti immondi». Poca cosa, verrebbe da pensare: gli spiriti immondi sono il germe del male e del peccato in tutte le sue forme. Quel male deve essere purificato, tutte le sporcizie del mondo devono essere mondate; il peccato deve essere vinto e cancellato. Dovranno per questo predicare, invitare alla conversione, scacciare i demoni, ungere e guarire i malati. Poi ordina loro che, oltre al bastone, non prendessero nulla per il viaggio: né pane, né bisaccia, né denaro nella borsa; ma, calzati solo i sandali, non indossassero due tuniche. Nessuna umana sicurezza anzi dice loro: “Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi”: tutto deve venire da Colui che invia i suoi, da chi dà loro il mandato. Le uniche certezze: «Entrati in una casa, rimanetevi fino a che ve ne andiate da quel luogo», e: «Se in qualche luogo non vi riceveranno e non vi ascolteranno, andandovene, scuotete la polvere di sotto ai vostri piedi, a testimonianza per loro».

Vai alla fonte

Testi Sacri Holyart.it

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Informazioni su Raffaele De Fulvio 10209 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.