2020-02-01 – Commento di Sabato

«Passiamo all’altra riva». ||| La Chiesa nasce in un contesto storico-geografico ben definito; il Messia è l’atteso delle genti; anche se inizialmente la sua missione sembrava destinata quasi in esclusiva al popolo d’Israele, sappiamo che di sua natura come sacramento di salvezza, la redenzione e di conseguenza la Chiesa, hanno una missione universale. Ecco perché Gesù dice ai suoi discepoli: «Passiamo all’altra riva». Significa: varchiamo i confini, ci sono altre barche che attendono una guida verso un porto sicuro. Ciò perché la traversata è rischiosa per noi e per loro. Imperversano tempeste di vento e le onde si rovesciano nella barca, sulla Chiesa. Il percorso che Gesù ha iniziato con la sua nascita e poi con la sua missione fino alla passione e morte è più che mai l’imperversare dei venti e le tempeste del male che infuriano su di lui fino a volerlo immergere per sempre in un sepolcro e la sua Chiesa annientarla prima del suo nascere. Gesù vuole offrire ai suoi una garanzia e una prova: basta la sua presenza! Anche se se ne stava a poppa e dormiva. Allora lo svegliarono e gli dissero: «Maestro, non t’importa che siamo perduti?». Si desta Gesù: «Perché avete paura? Non avete ancora fede?». Poi minacciò il vento e disse al mare: «Taci, calmati!». Gesù comanda di tacere al vento e alle onde burrascose allo stesso modo con cui impone al demonio di lasciare un ossesso, “Taci”. Il vento cessò e ci fu grande bonaccia. Se potessimo aggiungere che quel comando fece tacere il vento, calmare le onde e sparatutto generare un salutare timore e aver trovato nella fede la risposta all’interrogativo: «Chi è dunque costui, che anche il vento e il mare gli obbediscono?». Noi possiamo dirlo: è Gesù il divino redentore.

Vai alla fonte

Testi Sacri Holyart.it

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Informazioni su Raffaele De Fulvio 10209 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.